ZANGRILLO GENOA Poco prima del fischio iniziale tra Bologna e Genoa ha parlato Zangrillo a Sky Sport sulla vicenda Irpef che potrebbe portare ad una penalità.

Il Presidente del Genoa ha così commentato:

““Il grande gioco del calcio in Italia ha una serie di organismi istituzionali che sovraintendono. Uno di questi è un organismo con cui noi dialoghiamo costantemente in modo proficuo e positivo e si chiama Covisoc. Quindi, ad un certo punto, è partita una segnalazione come è giusto che sia, perché è un organismo di controllo con cui si dialoga costantemente. Talvolta da questo organismo di controllo viene coinvolta la Procura Federale. Io in prima persona ho incontrato il presidente della Procura Federale, ho spiegato la situazione che si era venuta a creare, l’ho spiegata in maniera tranquilla e trasparente”.

Il massimo dirigente rossoblù ha poi così risposto all’articolo apparso sulla gazzetta:

Oggi ho fatto soltanto un appello al silenzio perché è doveroso che in queste circostanze si lascino lavorare gli organismi competenti senza fare quelle dichiarazioni che provengono da Genova e sono abbastanza recenti non faccio riferimento a quelli della Gazzetta che abbiamo tutti letto questa mattina – che sono sciocche, irriverenti e lasciano il tempo che trovano“.

ZANGRILLO GENOA Infine una battuta sul calciomercato in particolare su Dragusin al centro di una possibile cessione:

Io non capisco perché, quando si parla di Genoa, tutti siano abituati a parlare con assoluta normalità di necessità di dover fare qualcosa. Noi siamo una grande società e come tale ci stiamo comportando. Dragusin è un grandissimo giocatore e un grandissimo ragazzo, che grazie a questa società ha potuto esprimersi perché è un ragazzo di solidi valori morali e non solo sportivi. Prima ho parlato di gruppo, quando parliamo di gruppo parliamo di tutti. La società farà delle scelte, ma la società non è presa per il collo da nessuno, non ha necessità di vendere per qualche strana ragione. Ha il dovere di comportarsi in modo sano a tutela del nome stesso della società e a tutela del popolo rossoblu che si segue e si fida di noi”.

 

 LEGGI ANCHE:

  1. Jeremy Doku la nuova stella di Manchester
  2. Bologna, cercasi sostituto di Zirkzee
  3. Parla Calafiori, cuore rossoblu e fan di mister Motta
  4. Milan, Leao e il rinnovo da 10 in pagella
  5. Victor Boniface, quando il nome è una garanzia
  6. Mercato Juve, Giuntoli pesca in Premier League
  7. Milan, emergenza difesa: rispunta il nome di Kiwior, a sorpresa
  8. Milan lungo stop per Kalulu
  9. Zilliacus-Inter, passi avanti nella trattativa
  10. Le parole di Guendouzi:”Nella mia testa avevo solo la Lazio”
Articolo precedenteNapoli, sprint finale per Dragusin
Articolo successivoBologna-Genoa, Gilardino: “Pari risultato giusto”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui