VERONA JURIC CAGLIARI – Ivan Juric, allenatore dell’Hellas Verona ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara casalinga di campionato contro il Cagliari. Queste le sue dichiarazioni principali:

Il Cagliari era un squadra in lotta per la Champions dieci turni fa e ora è dietro di noi. Arrivano da un periodo buio, ora sono in ritiro e questo succede quando sei pauroso e vuoi fare bene. Sarà una partita molto difficile.
Penso che come hanno strutturato la squadra, puntavano all’Europa. I giocatori sono di alta classe, hanno costruito una squadra molto forte. Percepivi la forza quando abbiamo giocato contro, non so cosa sia successo ma è una buona squadra. La squadra è forte e ben allenata, a volte ti va bene, ti fa male e bisogna stare attenti su tutto“.
Le assenze, Borini in primis: “Manca sia lui che Miguel (Veloso) e Pazzini, vediamo Faraoni che ancora non si è allenato con noi. Borini è una punta mobile, ci mancherà perché la squadra giocando così nelle ultime partite ha fatto molto bene. Cercheremo di attaccare diversamente”.
La condizione di Samuel Di Carmine, Badu e Salcedo: “Settimana dove ha fatto bene, normale. Badu ha cominciato ad allenarsi, non è facile per lui. Salcedo comincia a stare meglio, ad allenarsi con continuità“.
Juric aggiunge: “Vogliamo continuare a fare bene, a fare punti. In una squadra come la nostra l’umiltà è il pregio più importante, concentrazione in ogni partita. Non ci possiamo permettere cali di concentrazione.

L’obiettivo salvezza mi sembra sia sempre quaranta punti ma bisogna stare molto attenti, cercare di fare il massimo ogni partita. Affronto le partite e la squadra deve andare al massimo, poi ci sono difficoltà oggettive, squadre più forti e problemi nostri“.
La Primavera del Verona:Interessante, si lavora bene ma nessuno è ancora pronto per la prima squadra. Devono crescere ma la prospettiva è interessante, sono molto contento siano arrivati in finale“.
Qui il video della conferenza, pubblicato sui canali ufficiali gialloblù e qui per tornare in homepage.

Articolo precedenteReal Fabian Ruiz, dalla Spagna: ieri a Brescia emissari dei “blancos”
Articolo successivoCagliari, Maran: “Verona intenso e temibile. Momento particolare, lavorato molto sulla compattezza”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui