Dall’inviato a Verona

Con entrambe le formazioni reduci da una sconfitta inaspettata – il Verona a Brescia e l’Inter in casa contro il Bologna – voglia di riscatto per Juric e Conte nel posticipo della 31esima giornata di Serie A.
Con le sconfitte di Juventus e Lazio, occasione per l’Inter addirittura di avvicinarsi al secondo posto ad un punto dai biancocelesti secondi e mantenere le distanze dall’Atalanta sempre più lanciata, quarta in classifica e dietro di un punto prima di questo trentunesimo turno.

Dopo solo due minuti, Lazovic parte sulla destra e con un’azione personale supera Skriniar, attento a non commettere fallo in area, giocata finalizzata con Handanovic che viene poi battuto. Juric continua ad incitare i suoi commentando ogni istante ed era stato proprio lui ad invitare Lazovic nel puntare Skriniar.

L’Inter risponde con un colpo di testa di Candreva fuori di poco ma il Verona continua molto bene con personalità e palleggio. Al 18′, Veloso dalla distanza centra il palo e al 23′ Dimarco al volo spaventa Handanovic. Pochi minuti più tardi, Lukaku lavora lasciando la palla a Gagliardini, il cui tiro basso insidioso é respinto da Silvestri.

Alla mezz’ora, punizione di Sanchez con Silvestri che la allunga alta in angolo: nell’azione successiva, ci prova Brozovic con palla fuori non di molto. Fase favorevole per gli ospiti che però non riescono a trovare il pareggio.

Nella ripresa, Antonio Candreva impegna subito Silvestri per un’Inter subito diversa: al 48′ buona azione con Lukaku che protegge palla, si gira, colpisce il palo, poi Candreva sigla l’1-1. Al 54′, sorpasso nerazzurro: deviazione di Dimarco che determina il ribaltamento del risultato nel giro di pochi minuti.

Nel resto della gara, consuete sostituzioni tra le quali Lautaro Martinez che a dieci dal termine si trova in ripartenza davanti a Silvestri che respinge il tiro dell’argentino. Con i tre punti odierni, l’Inter sarebbe terza fra Lazio, seconda e Atalanta, quarta, entrambe a distanza di un punto ma si fa raggiungere a quattro minuti dal termine con Miguel Veloso. Per il Verona, ottavo posto con il Sassuolo a 43 punti.

La situazione in testa:

Juventus 75

Lazio 68

Atalanta 66

Inter 65

 

Verona: Silvestri; Rrahmani, Gunter, Kumbulla (83′ Empereur); Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic (84′ Verre), Dimarco (65′ Adjapong); Pessina; Stepinski (53′ Di Carmine)

Allenatore: Ivan Juric

Inter: Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; Candreva, Brozovic (69′ Vecino) , Gagliardini, Young, Borja Valero (88′ Eriksen); Sanchez, Lukaku (75′ L. Martinez)

Allenatore: Antonio Conte

 

Ammoniti: Dimarco, Gunter, Amrabat (VER), B. Valero, Young (INT)

Arbitro: Massimiliano Irrati di Pistoia

 

OLTRE A “VERONA – INTER…”, LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

Kutuzov: “Milan, Rangnick grande allenatore. Gattuso sa tanto di calcio. Su Conte…”

Inacio Pià: “Insigne top player. Napoli, trattieni Milik. Everton Soares? Solo se parte Lozano…”

Daniel Bertoni: “Lautaro? All’Inter ha il posto assicurato. De Paul, futuro promettente. Ribery ambiva ad una Fiorentina più competitiva”

Rampulla: “Donnarumma erede di Buffon. Sarri? Con i grandi campioni è più difficile affermarsi”

Werder Brema ancora in Bundesliga: si aggiudica lo spareggio

Articolo precedenteLille Osimhen: “Voglio vincere tutto, in passato mi volevano Juve e Inter”
Articolo successivoRuud Krol: “Koulibaly? Liverpool ha i soldi per acquistarlo. Milik potrebbe fare bene alla Juve. Barcellona Napoli? Gli azulgrana li vedo in difficoltà. Lozano è in ripresa, può ancora migliorare”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui