VENEZIA CALDARA – Intervistato da “La Gazzetta dello Sport“, Mattia Caldara ha parlato di questa sua prima stagione al Venezia. Il difensore centrale ha scelto gli arancioneroverdi per rilanciarsi dopo le ultime annate negative tra Milan e il ritorno all’Atalanta.

Così il giocatore: “Quel gol è stato una vera liberazione. Lo cercavo da tempo. Volevo sbloccarmi anche da quel punto di vista, a livello mentale mi ha aiutato tantissimo. E’ stato tutto perfetto per me, finalmente. E anche per il Venezia: rimontare con una grande ci voleva per il morale, perché avevamo perso troppi punti in casa con rivali alla nostra altezza. Ora siamo rientrati in carreggiata per l’obiettivo salvezza“.

VENEZIA CALDARA

VENEZIA CALDARA – Continua: “Questa è stata la gara più importante per me, oltre che per la squadra, per tanti motivi. Il mio obiettivo è migliorare di partita in partita per arrivare ai livelli di prima. Ora so che grazie al Venezia e a Zanetti posso diventare anche più forte di prima. Perché sto imparando tanto, mi trovo bene anche a giocare con la difesa a quattro. Zanetti è un tecnico davvero bravo, mi sta facendo diventare un calciatore completo. Con lui ho imparato quanto sia importante il gioco dal basso per poi sviluppare azioni d’attacco, trovar spazi tra le linee ed essere in grado di mettere gli attaccanti nelle condizioni di andare all’uno contro uno“.

Poi: “Per rientrare ci mettevo sempre qualche mese e ogni volta che mi sentivo vicino a stare bene arrivava un altro k.o. più pesante. Questa cosa l’ho subita mentalmente, non lo nego. Non è stato per niente facile, ma dentro di me c’è sempre stata la speranza che una volta che avessi raggiunto un certo equilibrio psico-fisico, sarei tornato quello dell’Atalanta“.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteMercato Inter Insigne, Marotta ha pronto un quadriennale
Articolo successivoMercato Juve Zakaria, sfida alla Roma per il centrocampista svizzero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui