Uefa Ceferin – Il mondo del calcio sta vivendo una fase di stallo. La Bundesliga è ripartita, mentre in Italia, Spagne e Inghilterra si studiano i protocolli adatti alla ripresa. Le società, inevitabilmente, subiranno delle perdite economiche. A parlare di questo e altro è stato il Presidente della Uefa Aleksander Ceferin al Guardian. Di seguito le sue dichiarazioni riportate da gianlucadimarzio.com:

“Perderemo milioni su milioni, dozzine di milioni di dollari. È difficile addormentarsi la notte. L’UEFA non è in una situazione pericolosa, ma ci prendiamo cura dei club e delle leghe, è parecchio lavoro”.

Avete rinviato gli Europei, ma potranno davvero esserci nel 2021?
“Decisi il rinvio alle 4 del mattino: presi la decisione e poi avrò dormito massimo un paio d’ore. Scommetterei un milione che nel 2021 riusciremo a farli giocare: il virus non esisterà per sempre. Sono un ottimista, non mi piace la visione apocalittica per cui ci sarà anche una quinta ondata di contagi. Sono del tutto sicuro che il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto. Non è cambiato dopo le guerre mondiali e non cambierà nemmeno a causa di un virus. Perché non pensare che dopo il virus il mondo possa diventare un posto migliore? Magari saremo più intelligenti, capiremo quanto siamo fragili”.

In questa circostanza, bisogna rivedere il FPF.
“Stiamo ragionando su come migliorare il Fair Play Finanziario, adattandolo ai tempi. A tal proposito stiamo considerando anche una specie di luxury tax, ma in questo periodo difficile abbiamo fermato queste idee”.

Uefa Ceferin – Perchè c’è una differenza salariale tra donne e uomini?
“Questa è la domanda da un milione di dollari. Penso sia difficile perché c’è una differenza di guadagni procurati dal calcio maschile e quello femminile. L’UEFA sta investendo molto nel calcio femminile e siamo contenti, diventa sempre più popolare, ma sull’uguaglianza di ingaggi è difficile esprimersi ora. In generale non credo che i calciatori siano avidi, il mercato decide i prezzi e se ricevi un’offerta da 20 milioni dubito che tu dica ‘No grazie, me ne dia solo 200 mila’. Peraltro i giocatori pagano tasse pesanti, quindi la parola ‘avidità’ non credo sia esatta”.

Articolo precedenteMilan André Silva: “Non conosco il mio futuro. Ibra? Avrei imparato tanto”
Articolo successivoInter, Materazzi in una lunga lettera

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui