Ignacio Pussetto domenica, praticamente da solo, ha battuto il Bologna nello scontro diretto che ha portato 3 punti pesantissimi alla sua Udinese. Eletto Man of the match della gara, l’attaccante friulano ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Ecco alcune delle sue parole:

Sulle sua infanzia e le sue caratteristiche: “Da piccolo giocavo insieme ai ragazzi più grandi. Nei contrasti mi facevano volare via. Così cercavo di scattare forte e di evitarli. Correre? È una mia caratteristica, ma si può allenare. Io controllo sempre con l’esterno del piede, così non devo abbassare troppo la velocità. Chi vince in velocità con la palla al piede tra me e Cristiano? Lui di sicuro, non scherziamo. Però io sto migliorando e un giorno giocherò la Champions”.

Sulla sua esperienza a Udine e sulla gara di domenica: “A Udine sto benissimo perché non è piccola né grande, è vicina a mare e montagna. Ho il passaporto italiano perché i miei bisnonni erano di un paese vicino ad Asti. Qui sono felice. Il gol al Bologna e l’applauso del Friuli quando sono stato sostituito mi hanno emozionato. La salvezza? Non lo so e non ci penso. Nicola ci ha detto che dobbiamo gestire meglio la palla e ha ragione: nel primo tempo con il Bologna non l’abbiamo fatto”.

Sul suo desiderio di conquistare la Nazionale: “In Nazionale prima o poi ci arrivo, me lo sento: devo solo continuare così. Mi hanno detto che Mancini mi ha seguito, ma non ho parlato con nessuno. Devo essere onesto: se mi chiamano entrambe le nazionali, scelgo l’Argentina perché quella è la mia patria. Se invece mi chiamasse solo l’Italia… Vedremo cosa succederà”.

Articolo precedenteLainer: “Un onore l’interesse del Napoli, ma ora voglio vincere con il Salisburgo”
Articolo successivoPolemica con Di Francesco e infortunio: niente Porto per Pastore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui