Nella giornata di ieri l’Udinese, coinvolta in piena zona retrocessione, ha presentato ufficialmente 3 dei suoi nuovi acquisti di gennaio, uno dei quali De Maio, è già stato impiegato dal 1′ e voerosimilmente tornerà in campo di nuovo domani come titolare, contro il Torino.

Queste le parole dei tre giocatori, tratti da tuttoudinese.it:

De Maio
“De Maio, com’è stato il debutto domenica? “Il debutto è stato positivo, la squadra ha fatto bene, interpretando quanto chiesto dal mister in settimana, non partivamo battuti, sono la squadra più in forma del campionato ma la Serie A insegna che ogni partita è una storia a sè”.

L’ Udinese cosa rappresenta? “Una grande opportunità di poter dimostrare quello che so fare, in questi mesi a Bologna per scelte tecniche sono rimasti fuori, sono qui per dare una mano e per aiutare la squadra a raggiungere i suoi obiettivi”.

La salvezza passa per Bologna e Chievo? “L’Udinese si gioca la salvezza anche a Torino, ogni partita bisogna fare punti, purtroppo contro la Sampdoria non ci siamo riusciti, ma dobbiamo sfruttare ogni partita per fare punti”.

Sulla lotta salvezza: “Penso che questa squadra a livello tecnico tattico sia importante, dobbiamo crescere dal punto di vista del gruppo, perchè abbiamo tutte le possibilità di farlo”.

La sfida contro la sua ex: “Affrontare il Bologna sarà ovviamente particolare, in questi mesi abbiamo vissuto un momento particolare insieme quindi sarà emozionante incontrarli da avversari”.

Sandro
“Piccolo aneddoto di Pradè: “Tanti anni fa volevo prendere Sandro alla Roma, ci siamo trovati in uno studio, ma lui preferì andare al Totettenham, ora è qui con me”.

Le sue condizioni fisiche: “Sono molto felice di essere qui a giocare per l’Udinese, bisogna lottare per la salvezza facendo punti in ogni partita, specialmente in casa. Ho l’esperienza di Benevento, ho visto i compagni, la qualità c’è e credo si possa fare molto di più. Fisicamente sto bene, ho ricominciato a correre e presto potrò dare il mio contributo”.

La lotta salvezza: “Per lottare per la salvezza devi giocare insieme, lottare su ogni pallone, dare del tuo meglio sempre, ogni singola palla è importantissima, giocare con i compagni, stare vicini, lottare assieme, perchè una palla sola può fare la differenza”.

Wilmot
“Il ragazzo si presenta: “Per me sarà molto importante giocare in partita, più opportunità avrò in campo più potrò crescere. Mi piace giocare al centro della difesa, il campionato è molto competitivo, giocare mi darà la possibilità di cresce più che allenandomi e basta in Inghilterra”.

La lotta salvezza: “Credo che quello che conta di più sia concentrarci su noi stessi, credo che il lavoro da fare sia quello, lavorare sodo e fare più punti possibile. Concentrarci sulla crescita di noi stessi”.

Le sue qualità, può fare sia il difensore che il mediano, ma non ha un idolo in particolare: “Mi piace molto essere me stesso, senza imitiare altri, mi piacciono però giocatori tecnici come Busquets e David Silva, ma devo lavorare su me stesso e migliorare le mie capacità senza dover riflettere il gioco di altri, voglio essere molto personale su di me”.

Il trasferimento a Udine, ritrovare Okaka e Zeegelaar è importante: “A Watford mi trovavo molto bene, fu già un grande salto passare dalla League Two alla Premier, il trasferimento di Stefano e Marvin ovviamente ha aiutato a convincermi. Avevo giocato qualche partita a Londra, ora voglio prendere ritmo a Udine”.

 

 

 

Articolo precedenteJuventus: linea verde e italiana
Articolo successivoInter, è fatta per il rinnovo di Skriniar

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui