Fabio Grosso, tecnico attualmente svincolato dopo l’esperienza al Lione, sarebbe il primo nome sulla lista dell’Udinese per il post Cioffi

Il match in programma a Pasquetta tra Sassuolo e Udinese, al Mapei Stadium, emetterà parecchie sentenze sia per la lotta salvezza, sia per ciò che concerne la posizione di Gabriele Cioffi, tecnico dei bianconeri la cui posizione in panchina è tornata in bilico dopo la sconfitta interna contro il Torino, nel turno pre-sosta Nazionali.

Secondo quanto riportato da Tuttomercatoweb, la dirigenza friulana potrebbe optare per un cambio in panchina, in caso di risultato negativo a Reggio Emilia, anche in relazione ai complicati ostacoli che incontrerà la squadra nel proprio cammino per la salvezza, complici le sfide con Inter (in casa) e Roma, in trasferta. Uno dei papabili nomi per la sostituzione di Cioffi sarebbe quello di Fabio Grosso.

L’ex tecnico del Frosinone, reduce da un’esperienza più che negativa al Lione dal punto di vista professionale, a causa dei risultati e anche da quello personale, in seguito all’aggressione ricevuta a Marsiglia, è attualmente sulla lista degli svincolati. L’ex terzino della Juventus e della Nazionale Campione del Mondo, tuttavia, non accetterebbe di buon grado un contratto fino al termine della stagione, quando mancano appena nove incontri alla fine del campionato, quanto un impegno più a lungo termine e non vincolato alla salvezza.

Prerogative che, di fatto, avrebbero fatto saltare il banco proprio con il Sassuolo, prima che i neroverdi ingaggiassero Davide Ballardini. Il nome di Fabio Grosso, intanto, resta nella lista friulana in attesa del “dentro o fuori” per Cioffi che potrebbe scaturire dai novanta minuti del Mapei Stadium.

Oltre all’articolo: “Udinese, la posizione di Cioffi ancora in bilico: sondato anche Grosso”, leggi anche:

  1. Salernitana, l’AD Milan: “Dia? Ha ammesso le sue responsabilità”
  2. Pulisic: “Sto trovando riscatto a Milano. Sul mio ruolo a destra…”
Articolo precedenteAccardi-Napoli, Corsi preoccupato: “Non la prenderei bene…”
Articolo successivoSpareggi Euro 2024, ecco le ultime partecipanti: Georgia, Polonia e Ucraina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui