Luca Gotti sarà ancora l’allenatore dell’Udinese anche dopo la sosta. Secondo quanto riportato dal Direttore dell’Area Tecnica dell’Udinese Pierpaolo Marino, ieri ai microfoni di Udinese TV, Luca Gotti verrà confermato anche contro la Sampdoria.

I profili che in queste ore vi avevamo dato fra i più vicini alla squadra friulana al momento non convinco del tutto. Pasquale Marino, qui sempre stimato dopo aver allenato l’Udinese dal 2007 al 2010. Moreno Longo, fra i giovani il profilo che più piace alla dirigenza bianconera. Dopo l’esperienza con il Frosinone finita con l’esordio, Longo è attualmente alla ricerca di una panchina (si fa il suo nome anche in caso di esonero, al momento improbabile di Mazzarri).

Le parole di Marino

Intanto queste sono le parole del dirigente dell’Udinese Marino, sulla situazione di Gotti e dell’allenatore dell’Udinese e trascritte per il web da tuttoudinese.it

 “Si sono proposti un po’ tutti gli allenatori che non stanno lavorando. Dai più grandi ai meno esperti, lusingandoci perchè confermano che l’Udinese è una società ambita da tutti, ma noi siamo curiosi di vedere se può proseguire questa empatia che si è venuta a creare fra gruppo e Gotti e abbiamo chiesto a Gotti di aiutarci in questa emergenza e lui ha dato completa disponibilità. Fa parte dello staff e quindi si sente coinvolto negli obiettivi e nella situazione, poi chiaramente quando gli chiederemo se vorrà essere primo allenatore avremo delle risposte, però siamo molto contenti del suo lavoro e di quello del suo staff.

Abbiamo gli attributi per effettuare una scelta corretta. Spesso chi ci critica dall’esterno parla senza sapere le cose, noi abbiamo fatto un quadro ben preciso della situazione. Fino a quando la disponibilità di Gotti durerà, cosa frutto dell’emergenza, rifletteremo per prendere la scelta. Continueremo con lui anche con la Samp e lui ha dato la disponibilità fino a quando non dipaneremo la situazione.

Gotti resterà a lungo con noi. Si è comportato benissimo in emergenza, in due partite ha fatto quattro punti che potevano essere sei. Allenatore? Abbiamo interpellato vari profili, al momento riteniamo che la situazione che si è creata di virtuosità all’interno dell’Udinese non vada toccata e in questa situazione Gotti è fondamentale.

Vedremo quanto durerà. Quando saremo pronti a proporre a Gotti un progetto a lunga gittata ne discuteremo, gli unici a fargli domande sono stati i giornalisti. Dobbiamo agire per il bene supremo, che è quello dell’Udinese, altro non ci interessa.

Articolo precedenteESCLUSIVA JEDA: “Cagliari, cessione Barella importante per il mercato”
Articolo successivoChi è Nicolò Zaniolo: la genesi di un diamante grezzo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui