La partita non inizia al meglio, almeno per chi è umilmente seduto al freddo della sala stampa: la corrente va e viene lasciando chi scrive in estrema difficoltà. Ci si augura che la partita possa offrire spunti interessanti da ambo le parti per non soccombere alla beffa di questo fresco pomeriggio friulano.

La giornata è soleggiata, gli spalti non sono pieni come nelle grandi occasioni e la partita, oltre ad avere nel menù la lotta salvezza per i padroni di casa, e un gusto piatto chiamato zona Europa per gli ospiti, è anche un ricordo per Davide Astori, tragicamente scomparso a Udine nel marzo del 2018, alla vigilia della partita tra le due squadre.

Diverse le novità in entrambe le squadre. Nella Fiorentina, Simeone dopo aver smarrito il gol, perde anche il posto da titolare e a fianco Muriel e Chiesa, scenda in campo Mirallas. Nell’Udinese Nicola sceglie De Maio dal 1′ e attacco leggero: fuori sia Lasagna che Okaka, davanti Pussetto e De Paul nel tentativo di non dare punti di riferimento alla squadra di Pioli.

Inizio surreale, ma almeno ora l’elettricità funziona, con lo sciopero del tifo Udinese che rende l’aria particolare. Dopo un buon inizio dela Fiorentina però è al 12′ dell’Udinese l’occasione più ghiotta, De Paul si libera di due uomini e a tu per tu con Lafont sbaglia da posizione molto favorevole, mettendo la palla a lato. Al 26′ miracolo di Musso che con le ginocchia salva su colpo di testa ravvicinato di un giocatore viola: il risultato è ancora inchiodato sullo 0-0. Al 35′ un colpo di testa di Pussetto libero in area, è debole e non crea grattacapi a Lofont. Al 39′ ancora Udinese pericolosa, ancora Pussetto, ma il suo tiro è fuori. Il primo tempo si chiude sullo 0-0 senza eccessivi sussulti e con qualche protesta dei giocatori dell’Udinese per un paio di episodi in area.

La ripresa si apre con un cambio nella Fiorentina: dentro Simeone, fuori Mirallas. 54′ tiro di Fofana alle stelle, il pubblico fischia. 55′ contropiede micidiale dell’Udinese , Pussetto la mette in mezzo, una deviazione di un giocatore viola regala a Larsen la possibilità di battere Lafont, il danese a porta sguarnita non sbaglia: 1-0 dell’Udinese. Pioli rischia tutto: dentro Pjaca per Gerson, ora in campo nei viola 2 attaccanti più Chiesa e Pjaca. 65′ Edimilson di controbalzo, dopo un rimpallo tra un giocatore bianconero e uno viola, indirizza perfettamente alle spalle di Musso: è il pareggio della Fiorentina. L’Udinese viene colpita in un buon momento, il vantaggio aveva dato entusiasmo alla squadra che ora invece sembra accusare il colpo. 70′ contropiede viola con Edimilson che taglia in due la formazione di Nicola, assist per Simeone in area, ma Nuytinck salva tutto. Al 73′ Nicola cambia: fuori un De Paul fischiatissimo dal pubblico di casa e dentro Okaka. 77′ Fofana svirgola in area e serve involontariamente Chiesa che di prima intenzione tira in porta, ma è centrale: Musso respinge proprio sui piedi di Chiesa che ci riprova al vola, ma tira fuori. La Fiorentina è viva alla ricerca del vantaggio, Udinese in grosso affanno. 77′ Okaka fa partire il contropiede dell’Udinese, serve sulla destra Larsen che scambia con Fofana che dal limite serve Pussetto che si allarga, ma conclude sull’esterno della porta. 82′ Chiesa sfiora il gol di testa, ma la palla è alta di pochissimo. All’83’ esce Pussetto, lui tra gli applausi dentro Lasagna. La partita si spegne sul finale nonostante le giocate da una parte di Okaka e dall’altra di Chiesa: un pareggio, una volta si sarebbe detto che muove la classifica, inutile per entrambe. E a fine partita si sentono i cori dei tifosi dell’Udinese che contestano la dirigenza.

Formazioni Ufficiali Udinese – Fiorentina:
Udinese (3-5-2): Musso; De Maio, Ekong, Nuytinck; Stryger, Behrami, Mandragora, Fofana, D’Alessandro; De Paul (Okaka 73′), Pussetto (Lasagna 83′).
Fiorentina (4-3-3): Lafont; Laurini (Ceccherini 83′), Pezzella, Milenkovic, Biraghi; Gerson (Pjaca 60′), Veretout, Edimilson; Chiesa, Muriel, Mirallas (Simeone 46′).

Articolo precedenteLazio, parla Inzaghi in vista del Frosinone: “Servirà la vera Lazio domani. Romulo molto umile, è convocato”
Articolo successivoRoma – Milan: formazioni ufficiali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui