Esonero Cioffi, la sconfitta maturata nel finale di Verona sarebbe risultata decisiva per la decisione del club: Stramaccioni in pole

Una rete di Diego Coppola al minuto novantatré della sfida salvezza tra Hellas Verona e Udinese rischia di far scorrere i titoli di coda nel rapporto tra Gabriele Cioffi e i friulani. Stando a quanto riportato da calciomercato.com, nonostante le dichiarazioni rassicuranti rilasciate da Federico Balzaretti, Direttore Sportivo dei bianconeri, nell’immediato post partita del Bentegodi, la posizione del tecnico sarebbe più che mai a rischio, con l’esonero praticamente annunciato e con l’ufficialità attesa in queste ore.

La sconfitta maturata nell’anticipo serale del trentatreesimo turno di Serie A ha portato i friulani al quartultimo posto in graduatoria e, nel caso in cui Frosinone e Sassuolo vincessero le rispettive partite contro Torino e Lecce, il club bianconero verrebbe clamorosamente risucchiato nel vortice della zona degli abissi della classifica, al penultimo posto.

Nel recupero degli ultimi diciannove minuti di giovedì contro la Roma, match che riprenderà dal minuto settantuno per il problema occorso al difensore giallorosso, N’Dicka, il punteggio fermo sull’uno a uno proietterebbe, al momento, i friulani a 29 punti in classifica, non abbastanza per potersi considerare al sicuro.

Udinese, esonero Cioffi ad un passo: i due candidati per la sostituzione

Per questo, considerando l’unica vittoria conseguita negli ultimi otto turni di Serie A, la società potrebbe optare per il terzo avvicendamento in panchina della stagione. Al momento, stando a quanto appreso, la corsa per la panchina dell’Udinese sarebbe ridotta a due nomi: Stramaccioni, tecnico già passato da Udine nella stagione 2014/2015 e Leonardo Semplici. Per infondere nuova linfa a una squadra chiamata a cinque sfide decisive per la permanenza in Serie A, dunque, i friulani opteranno per un altro cambio della guida tecnica.

Oltre all’articolo: “Udinese, esonero Cioffi ad un passo: i due candidati per la sostituzione”, leggi anche:

  1. Lazio, Retegui per il dopo Immobile
  2. Nuovo allenatore Napoli, Fabio Cannavaro si candida: “Un giorno…”
  3. Napoli, il CEO dello Shakhtar: “Offerti 40 milioni per Sudakov”
Articolo precedenteCardinale: “Non siamo primi, ma le ambizioni del Milan non si fermano”
Articolo successivoLa nuova vita di Kamada alla Lazio: “Cento euro per rinnovare? No…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui