UDINESE DEULOFEU – Intervistato da “Sportweek“, l’inserto settimanale de “La Gazzetta dello Sport“, Gerard Deulofeu ha parlato di questa sua seconda stagione all’Udinese.

Così l’ala spagnola: “A Udine voglio che i compagni riconoscano in me un leader, innanzitutto per l’impegno che metto nel lavoro. Gotti mi lascia molta libertà in attacco e mi vuole molto vicino alla porta per provare a fare gol. E’ ciò che serve alla squadra, anche se io non sono una punta; sono uno che sta vicino a una punta e che crea calcio. E adesso che giochiamo con un vero centravanti, Beto, per me è molto più facile“.

UDINESE DEULOFEU

UDINESE DEULOFEU – Continua: “Quando è andato via De Paul, ci si aspettava da me un passo in avanti in campo, come leader tecnico e nello spogliatoio. E’ quello che sto provando a fare, consapevole che la maglia che indosso l’hanno portata giocatori molto importanti prima di me“.

Poi sulla precedente esperienza al Milan: “Coi rossoneri sono stato molto bene. Mi sono sentito forte perché dal primo giorno mi è stata data fiducia. Al Milan si respira l’aria del grande club, è qualcosa che percepisci subito, dappertutto, dentro e fuori da Milanello. Il Milan lo porto nel cuore, sempre”.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteMercato Napoli Gatti, occhi sul difensore del Frosinone. È sfida alle big
Articolo successivoCome funzionano gli eSports legati al mondo del calcio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui