Trasferimento Chiesa Juventus Pradè – Come sappiamo, nella giornata di ieri Federico Chiesa è diventato ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus.

Trasferimento Chiesa Juventus Pradè – Il passaggio in bianconero non ha lasciato indifferenti i tifosi viola, i quali hanno riservato a Chiesa lo stesso trattamento che fu riservato a Roberto Baggio, ovvero offese ed insulti, per lo più gratuiti.

A rompere il silenzio oggi è stato Daniele Pradè, che come riportato da SportMediaset ha speso alcune parole e riflessioni su questo, concitato, trasferimento:

“Per noi è stata un’operazione ottima sia a livello economico che sportivo”. Così il ds della Fiorentina Daniele Pradè il giorno dopo l’ufficialità della cessione di Federico Chiesa alla Juve.

“Adesso ci siamo tolti questo peso: era una telenovela, si parlava solo di questo e non della squadra – ha affermato Pradè in conferenza stampa – Alla famiglia Commisso ho sempre detto che era giusto fare questa operazione. Loro lo avrebbero tenuto volentieri, ma per il papà di Chiesa noi siamo sempre stati considerati un veicolo per arrivare ad altre situazioni. Prima del Covid c’era l’interesse di club inglesi per Chiesa, ma lui voleva restare in Italia. La fascia di capitano nell’ultima gara di campionato? A posteriori posso dire che è stato un errore”.

Se mi aspettavo di ricavare di più da Chiesa? Potevamo farlo uscire solo così, bisogna essere creativi in questo momento – ha proseguito Pradè – E se Chiesa non fosse andato via, avremmo comunque preso Callejon. Abbiamo provato a proporre a Chiesa alternative per farlo restare, ma quando vedi un muro totale diventa difficile. Non è stato un problema di soldi, il ragazzo non voleva rimanere. Abbiamo usato il pugno di ferro l’anno scorso, quest’anno abbiamo ottenuto quello che volevamo, alle condizioni di Commisso.

E ancora: “Se ci fosse stata un’offerta congrua, anche Milenkovic e Pezzella sarebbero partiti. Adesso noi proveremo a rinnovare loro il contratto, altrimenti li cederemo. Per Pezzella abbiamo avuto solo l’offerta del Milan, un prestito, alle 18:30. 

Milik? Voleva rimanere dov’era, e alla fine lo ha ottenuto. Non ha detto no alla Fiorentina, ha detto no al mercato”.

Articolo precedenteGrave infortunio Caldara: il difensore dell’Atalanta out almeno due mesi
Articolo successivoMilik Napoli da separati in casa. Il polacco ha rifiutato tutte le destinazioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui