[df-subtitle]A Londra continuano i ritardi nella costruzione del nuovo stadio del Tottenham e Rivista Undici riporta l’inchiesta di un sito inglese che rivela clamorosi retroscena[/df-subtitle]Come riportato da Rivista Undici che cita un’inchiesta del sito inglese Construction News, lo stadio del Tottenham, che costerà alla proprietà la bellezza di 850 milioni di sterline, sta subendo clamorosi ritardi. Il vecchio White Hart Lane è stato demolito al termine della stagione 2016/17 e dalla stagione successiva gli Spurs sono ospitati all’interno del nuovo Wembley. Il nuovo impianto sarebbe dovuto essere pronto da diverso tempo, ma i lavori sono in costante ritardo e non sembra possibile al momento stabilire una data per la conclusione e l’inaugurazione.

Fonti anonime interpellate per l’inchiesta parlano di condizioni di lavoro disastrose, mancanza totale di disciplina, con gli operai spesso coinvolti in risse fra di loro durante gli orari di lavoro e come riferito sempre da Rivista Undici:
“Gli elettricisti si trovano a lavorare in condizioni assurde, senza possibilità di avere gli strumenti e i materiali adatti, con piattaforme non consone a raggiungere le altezze necessarie, trasformatori che non si possono ricaricare e durano solo 4 ore a fronte delle 12 ore di lavoro al giorno […] lavoratori che bevono alcol già dalle prime ore del mattino e usano droghe come cocaina nei bagni del nuovo impianto.”

Articolo precedenteManchester City, Aguero rinnova per i prossimi tre anni
Articolo successivoSassuolo – Empoli 3-1: cronaca e tabellino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui