Torino, Juric su Vagnati – La nuova stagione del Torino inizierà domani sera alle 20.45, ovvero quando i granata scenderanno in campo per l’esordio in campionato contro il neopromosso Monza. Nella consueta conferenza stampa di vigilia ha parlato il tecnico del club Ivan Juric il quale, oltre a presentare questo delicatissimo match, è tornato sullo spiacevole episodio accaduto poche settimane fa tra lui e il direttore sportivo del club Davide Vagnati.

Torino, Juric su Vagnati – Queste le sue parole:

C’è stata di mezzo la vacanza, poi un ritiro davvero brutto, nel senso che abbiamo avuto pochi giocatori e non era facile lavorare. Eravamo molto concentrati sul lavorare con i giocatori che c’erano, sperando che la squadra si completasse per prepararsi bene. La squadra è incompleta proprio a livello numerico e di struttura. Sono contento per i nuovi arrivi, penso che l’andazzo sia come l’anno scorso: giocatori che sulla carta sono ottimi ma hanno fatto fatica negli ultimi anni. Noi ci auguriamo che i vari Radonjic, Vlasic e Miranchuk, che negli ultimi o nell’ultimo anno hanno fatto male, allora qui possano dare gran contributo. Lazaro uguale. Mancano ancora delle cose, il mercato è lungo, ma è certo che i giocatori non siano figurine, ci vuole lavoro. Abbiamo 40 giorni che abbiamo buttato al vento per lavorare al meglio ed essere più pronti.

Sul prossimo avversario, il Monza, e i pregi della squadra lombarda: “Stroppa ha il suo gioco. Hanno messo dentro giocatori importanti, è rimasta una buona base e hanno continuato a lavorare sugli stessi concetti. Ci aspetta una partita difficilissima, loro palleggiano bene, vediamo come riusciamo a rispondere. Mi aspetto una gara impegnativa, non so come rispondiamo a questo tipo di partite”.

Riguardo il numero di giocatori ancora non arrivati: “Ci mancano giocatori, è andato via Bremer che è il miglior difensore della Serie A e non è arrivato nessuno. È difficile mettere giocatori dentro e dire ‘vai, presentati’, i giocatori hanno bisogno di tempo per assimilare. Ci mancano giocatori sia a centrocampo che dietro. Davanti sono arrivati Vlasic e Miranchuk, che hanno fatto bene ma possono fare meglio di quanto fatto negli ultimi anni. Ma abbiamo aumentato la concorrenza”.

Tornando sulla vicenda con Vagnati, Juric ha parlato del suo rapporto col DS granata: “Sono contento della reazione di Davide di quel giorno, ho visto uno che vuole reagire e lottare con grinta. Serve questo alla squadra. Sono contento, perchè a volte ho avuto la sensazione che fosse un muro di gomma, che passava sopra alle cose. Il rapporto è ottimo, normale”.

Su Lukic capitano: “È da sei anni qui. L’anno scorso ha fatto un salto di qualità nella personalità e nel modo di allenarsi. Mi è sembrata una scelta abbastanza naturale, sia per militanza che modo di essere. Gerarchia portieri? Abbiamo valutato entrambi i portieri, in questo momento andiamo su Vanja che sta facendo benissimo in ritiro e ha fatto bene nelle ultime partite. Sarà lui titolare. Sulle fasce siamo apposto, sono tutti destri ma si possono adattare a sinistra, ho più opzioni. L’unico fisso che rimane a destra è Singo, per gli altri vedo come stanno”. 

Articolo precedenteGattuso su Arthur: “mi piace, ma non ce lo possiamo permettere”
Articolo successivoMilan-Udinese, Pioli: “Contento di prestazioni e atteggiamenti, c’è voglia di competere”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui