spot_img
HomeSerieAJuventusToni sulla Juventus: "Pirlo criticato molto, ma intanto ha già vinto un...

Toni sulla Juventus: “Pirlo criticato molto, ma intanto ha già vinto un trofeo”

-

Toni sulla Juventus – Luca Toni ex attaccante della Juventus e non solo, ha rilasciato un’ intervista ai microfoni di “Tuttosport” nella quale ha parlato di questo atipico avvio di stagione dei bianconeri, del mercato juventino e anche del suo amico e vecchio compagno di nazionale, che ora siede sulla panchina della Juventus, Andrea Pirlo.

Queste le sue dichiarazioni:

Su Cristiano Ronaldo: “Ha realizzato 760 reti: sente prima dove casca la palla. E Morata è il partner ideale per lui”.

Su Andrea Pirlo: “E’ stato criticato molto, ma intanto ha già vinto un trofeo”:

Riguardo un giocatore a lungo accostato ai bianconeri in questo mercato di Gennaio ovvero Gianluca Scamacca: “E’ un giovane interessante, però deve ancora dimostrare tutto ad alto livello. Può essere una buona scommessa in tempo di Covid, anche solo per testarlo e vedere se è da Juve”.

Toni sulla Juventus – Milik sarebbe stato utile al Napoli? “Di Milik avrebbe bisogno il Napoli e in Supercoppa si è visto chiaramente. Senza Osimhen e con Mertens non al top, il solo Petagna non può bastare. Sinceramente non capisco perché in Italia ci sia l’abitudine a mettere ai margini chi non rinnova il contratto. All’estero, anche chi non prolunga, gioca fino alla fine. Alaba è nella stessa situazione di Milik e sta giocando sempre”.

Su Milik – Juve: E’ andato al Marsiglia, non al Real Madrid. Non mi stupirei se in estate tornasse in orbita Juve. Sarebbe perfetto per completare il reparto di Pirlo. Più che ingaggiare un giovane ora punterei su Kulusevski e aspetterei Milik a giugno”.

Su Cuadrado: “Continua a stupire. Lui, Hakimi e Theo Hernandez sono i migliori terzini”.

Sui migliori numeri 9 del mondo: “Lewandowski è il top. Il fisioterapista che portai io al Bayern, Gianni Bianchi, mi dice che è un professionista pazzesco, non a caso gioca praticamente sempre. Però mi piacerebbe vedere Robert in Italia, un po’ come ha fatto Cristiano Ronaldo. Dopo Lewandowski, metto Haaland e Morata. E Lukaku? E’ molto forte, ci mancherebbe. Ma Lukaku ha bisogno di avere accanto un attaccante con determinate caratteristiche. Morata, invece, gioca bene con chiunque e per questo preferisco lo spagnolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Mercato Inter Maggiore, Marotta studia un colpo stile Barella

0
MERCATO INTER MAGGIORE - Questa sera è in programma la sfida tra Inter e Spezia. I nerazzurri vogliono continuare questo trend positivo, mentre i...