TAZZIOLI SU SENSI – Escluso dall’Europeo per via di un infortunio muscolare agli adduttori, Stefano Sensi ha voglia di riprendersi la scena in vista della prossima annata.

TAZZIOLI SU SENSI – Chi lo conosce bene è Fabrizio Tazzioli. EuropaCalcio.it ha contattato in esclusiva proprio l’ex tecnico del San Marino che ha allenato Stefano Sensi nella stagione 2014-15.

Qual è stato secondo Lei il punto di forza dell’Italia che le ha permesso di vincere l’Europeo?

“Sicuramente Roberto Mancini, è un fuoriclasse! Quando si è presentato 3 anni fa dopo il disastro ha parlato immediatamente di una Nazionale che puntava ai vertici; ha impostato una squadra votata al gioco collettivo selezionando molti giovani calciatori inesperti, arrivando poi all’Europeo con idee chiare e coraggiose. Un esempio per carisma e stile che ha trasmesso al gruppo come nessuno aveva fatto, formando un blocco monolitico che è andato dritto alla meta”.

Un peccato che Stefano Sensi non abbia potuto partecipare alla competizione. Secondo il suo parere, Mancini lo terrà in considerazione in vista del Mondiale?

“Purtroppo Stefano Sensi ha vissuto due stagioni molto complicate. Dopo il grande inizio nei primi due mesi dell’era Conte ha subito una serie di infortuni incredibili che gli sono costati molto, Europeo compreso. Credo che se Stefano starà bene e ripeterà le prestazioni di cui è capace, sarà certamente preso in considerazione da Mancini; al ct della Nazionale, infatti, piacciono molto i calciatori tecnici e con visione di gioco”.

Con Simone Inzaghi in panchina, Sensi riuscirà a dimostrare il suo potenziale e a ritagliarsi uno spazio importante?

Sensi è l’alternativa più credibile allo sfortunatissimo Eriksen, dipenderà tutto dalla sua condizione e dalla continuità di prestazioni. Credo che l’unico dubbio per una grande squadra come l’Inter sia questo: se Sensi dimostrerà costanza nelle sue performance, ritroverà la fiducia da parte di società e tifosi che lo apprezzano molto”.

Negli ultimi giorni c’è stato un forte interesse da parte della Fiorentina per Stefano Sensi. Secondo Lei potrebbe essere un’opzione giusta per la sua carriera o gli consiglierebbe di restare all’Inter?

“Quando vesti la maglia dell’Inter sei consapevole di essere in un top club mondiale e vuoi giocartela li. Stefano ha già dimostrato di poterci stare e anche bene, ci vorrà integrità fisica e continuità. Dovrà dare tutto se stesso, questo è l’anno decisivo: può farcela, glielo auguro di cuore”.

Il presente e il futuro di Fabrizio Tazzioli: ci sono progetti che sta valutando?

“Onestamente sono un pochino demoralizzato. Negli ultimi anni non ho avuto opportunità valide per fare il mio lavoro, sono dispiaciuto ma non mollo; se qualcuno avrà ancora la voglia di scommettere su di me, io ci sono…”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte EUROPACALCIO.IT

Articolo precedenteInter, Inzaghi ha scelto Dumfries: si lavora al prestito
Articolo successivoTottenham, Son sempre più Spurs: il comunicato del club

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui