SPAL DI BIAGIO Va al Genoa lo scontro diretto salvezza, una sconfitta che condanna quasi matematicamente gli estensi alla retrocessione. 2 a 0, Pandev e Schone, avversari mai pericolosi con Perin che non ha fatto neanche una parata degna di nota

SPAL DI BIAGIO Squadra senza idee, gioco e grinta. Ci sia spettava una formazione diversa al Ferraris vista la posta in palio, esattamente come hanno chiesto i tifosi

SPAL DI BIAGIO In conferenza stampa, come ripreso da Tmw; il tecnico ferrarese ha analizzato la partita:

“Si poteva fare di più. Dovevamo giocare un po’ meglio. Non possiamo assolutamente guardare la classifica ma trovare degli stimoli per migliorare la situazione che è difficoltosa. Ad oggi gli unici stimoli che possiamo trovare è non arrivare ultimi che sarebbe più umiliante di quanto sta succedendo. Vedo quello che fanno in allenamento i ragazzi, non posso dirgli nulla ma il campo dice altro”.

SPAL DI BIAGIO A differenza di altre partita oggi però la Spal è rimasta in gara e non si è subito sciolta come neve al sole, come capitato contro la Sampdoria e Udinese ad esempio:

“Quando abbiamo ripreso non siamo più riusciti a imporre il nostro ritmo e il nostro gioco. Dopo la gara col Milan è cambiata la nostra stagione, con la Samp abbiamo fatto una buona partita ma è difficile dirlo quando perdi 3-0, oggi leggermente meglio ma comunque poco per quello che dobbiamo fare per vincere una partita importante come oggi. Oggi c’era caldo, non riesci a dare ritmo, alla prima occasione prendi gol. Siamo impauriti in questo momento e un po’ frenato rispetto al modo di giocare di prima”.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteGenoa Goran Pandev: “Rossoblù piazza importante che merita la A”
Articolo successivoGenoa Masiello: “Rincorsa lunga, oggi primo passo”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui