Cittadella ed Hellas Verona giocano allo stadio Tombolato la finale di andata dei playoff di Serie B nel derby veneto con un preventivabile tutto esaurito, 7623 spettatori. La prima finale della storia del Cittadella parte bene perché i padroni di casa passano subito in vantaggio con un colpo di testa di Diaw.

Dopo una gran parata di Silvestri su Moncini, vicino al raddoppio, il Verona risponde con un palo di Laribi che ci prova dalla distanza. Padroni di casa maturi, bravi nel far salire la squadra e nel gestire anche le piccole difficoltà attorno a metà primo tempo quando l’Hellas prova a guidare la partita. Molto bene Vitale, propositivo sulla fascia sinistra ma  tiri in porta quasi assenti.

Nella ripresa, una punizione sorprende il Verona ma Pasa da ottima posizione, in area, non trova la porta. Al 54′ bella parata di Paleari su colpo di testa di Colombatto: ospiti che continuano a tenere la palla e fare la partita, con i granata che vanno quasi solo in ripartenza.

Cittadella ma con il minimo sforzo: l’incredibile raddoppio arriva a dieci dal termine con la doppietta di Diaw. La rete entusiasma il pubblico ma i gialloblù non mollano e sono anche sfortunati quando a sette minuti dal termine, Pazzini in girata colpisce la traversa e poi la palla non entra.

Cittadella – Verona termina 2-0 e servirà una gran rimonta allo stadio Bentegodi.

 

Cittadella: Paleari; Rizzo, Adorni, Frare, Parodi; Pasa, Iori (82′ Proia), Siega; Schenetti (67′ Bussaglia), Moncini, Diaw (88′ Scappini)

Allenatore: Roberto Venturato

 

Verona: Silvestri; Vitale, Empereur, Dawidowicz, Faraoni; Colombatto, Gustafson, Henderson (84′ Di Gaudio); Matos, Di Carmine (75′ Pazzini), Laribi (71′ Lee)

Allenatore: Alfredo Aglietti

 

Ammoniti: Vitale, Colombatto

Arbitro: Giua di Olbia

Articolo precedenteBucchioni: “Esonero Spalletti? Inter vuole colmare il gap con la Juve”
Articolo successivoNapoli, Hysaj dice addio: “Pronto per una nuova avventura”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui