SERIE A – Ogni giorno è quello buono per trovare una data utile alla ripartenza del campionato. Utile per contraddirsi o fare marcia indietro: insomma è un caos totale.

Alla fine la FIGC al momento si è adeguata a quello che recita il Dpcm. Dpcm che vieta le manifestazioni sportive fino al 14 giugno, con la possibilità però, al vaglio degli esperti, di contare su una piccola ma sostanziale modifica. E partire così il 13 giugno.

SERIE A – Ma quello che trapela in questi giorni è che il vero problema non è tanto una data di ripartenza. Potrebbe essere buona quel del 13 giugno, una settimana dopo, ad esempio, la ripresa della Premier League.

Quello che ancora resta in alto mare è il dicorso relativo agli allenamenti collettivi e soprattutto alla gestione di nuovi casi: cosa fare quando e se succederà?

Intanto la FIGC sulla proroga della sospensione del campionato, ha lasciato un comunicato ufficiale e una nota apparsa a mezzo stampa.

«Preso atto delle determinazioni assunte nel Dpcm del 17 maggio recante “misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale” e preso atto della sospensione sino al 14 giugno 2020 degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati, di cui al citato Decreto, nelle more di ogni ulteriore e auspicabile decisione della autorità competenti a riguardo, ha prorogato la sospensione dell’attività sportiva fino al 14 giugno 2020».

Articolo precedenteAccordo Mertens Napoli rinnovo: secondo Sky è fatta
Articolo successivoBergomi Capello Coronavirus: è lite in tv

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui