Serie A – Sono passati quasi due mesi da quando l’Italia ha dichiarato il lockdown e il campionato è stato sospeso. In queste settimane ci sono stati scontri tra le varie parti coinvolte che, ad oggi, non hanno portato a niente. Se altri Paesi hanno deciso di sospendere definitivamente il campionato, la Lega Serie A è decisa a tornare in campo. Ciò che è evidente è che non ci sia attualmente una linea comune di pensiero, tant’è che sebbene il nuovo Decreto preveda il ritorno ad allenamenti di gruppo solo a partire dal 18 maggio, dalla giornata di domani alcuni tesserati riprenderanno la preparazione fisica.

Sempre secondo quanto riportato nel Decreto, infatti, dal 4 maggio sono autorizzati gli allenamenti individuali e per questo motivo alcuni Presidenti di Regione hanno dato il via libera alla riapertura dei centri sportivi delle società. Il problema, però, è che solo Emilia Romagna, Lazio e Campania hanno di fatto autorizzato la ripresa della preparazione. E gli altri?

Questa è la domanda del giorno, almeno per quanto riguarda l’ambito sportivo, e adesso le società attendono la risposta del Ministro dello Sport. Spadafora, nella giornata di oggi, si confronterà con il Comitato Tecnico Scientifico per valutare i rischi di una ripresa già da domani. Qualora il CTS non dovesse dare il via libera, allora potrebbe esserci una disuguaglianza evidente. Alcune società, infatti, potrebbero godere di un vantaggio rispetto alle altre e questo la Lega non può permetterlo.

Serie A – Cosa succederà, quindi? Secondo quanto riporta laRepubblica, Giuseppe Conte potrebbe decidere di sospendere il campionato di Serie A in maniera definitiva. La decisione dovrebbe arrivare nella giornata di mercoledì e potrebbe mettere la parola “fine” alle polemiche delle ultime settimane.

Articolo precedenteLanzafame: “Spalletti rilancerebbe la Fiorentina. Conte? Pretende il massimo da tutti”
Articolo successivoNapoli Liverpool Koulibaly, offerta dei reds per il difensore azzurro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui