L’Inter chiude il campionato 2018/2019 in un consueto San Siro da oltre 65000 spettatori (oggi poco più di 68000, ndr) che spingono i nerazzurri alla qualificazione in Champions League: avversario l’Empoli del mister Andreazzoli che Spalletti conosce bene, miracolosamente rientrato con merito nel discorso salvezza e con il destino nelle proprie mani. I toscani, infatti, cercano la vittoria per non preoccuparsi del risultato del Genoa terz’ultimo impegnato nella trasferta contro la Fiorentina.

Partenza subito forte da parte di entrambe le squadre, Inter che fin dal riscaldamento dava la sensazione di essere concentrata e in palla, sebbene nei primi minuti si segnalano diversi passaggi errati, probabilmente dettati anche dalla frenesia. Come anticipato dalla Curva, tifo senza sosta che applaude al 4′ il primo tiro in porta di Radja Nainggolan, parato senza problemi da Dragowski. Al 9′ il portiere si supera con una gran parata su tiro di Perisic, poi due minuti più tardi bel tacco di Matias Vecino in area, ancora parato; è una fase di continue occasioni, una girata di Icardi subito dopo termina alta da ottima posizione. Momento di difficoltà dell’Empoli che non riesce a superare la metà campo se non con i rinvii dal fondo, fischiatissimi: i toscani si affacciano con pericolosità solo dopo il quarto d’ora ma nessuna parata per Samir Handanovic. Continuano le opportunità nerazzurre, ancora Vecino e Icardi i due che provano maggiormente ma i ragazzi di Andreazzoli reggono. Al 26′, ancora Dragoswki a deviare in angolo la botta di Brozovic, miracoloso sullo stesso dove di testa aveva svettato Vecino.  Dopo mezz’ora di gioco e la prima chiusura vincente di Handanovic su Farias, Inter – Empoli è ancora sullo 0-0 mentre il Milan è avanti a Ferarara e l’Atalanta è sotto contro il Sassuolo. Prima dell’intervallo, pareggia l’Atalanta ma i conti andranno fatti alla fine mentre a Milano, ennesima conclusione dalla distanza, questa volta Dragowski si tuffa su Asamoah.

Nella ripresa, primo segnale di Spalletti con l’ingresso immediato di Keita che ripaga con una bella giocata individuale e di precisione supera il portiere avversario; al 62′, Dragowski commette fallo e sul dischetto, davanti alla curva Nord si presenta Mauro Icardi ma si fa parare il tiro: si resta sull’1-0.

Lombardi che calano il ritmo, forte del vantaggio realizzato dall’uomo che non ti aspetti: a mezz’ora dl termine, cambio Icardi – Lautaro mentre l’Atalanta vince 3-1 e il Milan è in vantaggio dopo il pari riacciuffato dalla Spal. Vittoria unico risultato utile per l’Inter dunque ma ad un quarto d’ora dal termine, l’Empoli pareggia con Traorè.

Non è finita: all’81’ tiro di Vecino che colpisce il palo, sulla ribattuta arriva Nainggolan per il 2-1 fondamentale che rimanda l’Empoli in Serie B ma soprattutto vale la qualificazione alla prossima Champions League.

Le emozioni non sono finite: lungo recupero, cinque minuti di apnea con qualche pasticcio in disimpegno dell’Inter che porta l’Empoli a minacciare l’area: in una di queste, mischia con palla che finisce sulla traversa. L’ultima opportunità in ripartenza capitano sui piedi di Keita e Martinez, parata dal portiere empolese. Prima del triplice fischio, un gol annullato a Brozovic per azione nata da un fallo di Keita a centrocampo che nell’occasione riceve il secondo giallo. Il match del Meazza si conclude sul 2-1.

 

[df-subtitle]Inter – Empoli, il tabellino[/df-subtitle]

Inter: Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah (1′ st Keita); Brozovic, Vecino, Nainggolan; Politano, Perisic (73′ Dalbert); Icardi (70′ Lautaro Martinez)

Allenatore: Luciano Spalletti

 

Empoli: Dragowski; Maietta (70′ Ucan), Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Traoré, Bennacer, Acquah; Pajac, Caputo, Farias

Allenatore: Aurelio Andreazzoli

 

Ammoniti: Perisic, D’Ambrosio (INT); Pajac, Caputo (EMP)

Espulso: Keita (doppia ammonizione), Perucchini (allontanato dalla panchina)

Arbitro: Banti di Livorno

Articolo precedenteTorino-Lazio, Mazzarri: “Mi sento granata. Siamo una famiglia”
Articolo successivoSampdoria-Juventus 2-0, i bianconeri salutano la stagione con una sconfitta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui