[df-subtitle]Ecco com’è andato l’ultimo turno di Serie A[/df-subtitle]

E’ stato un sesto turno senza particolari acuti o sorprese quello che si è disputato tra sabato e lunedì in Serie A. L’Inter continua a mantenere la vetta solitaria della classifica grazie al successo in casa della Sampdoria dove, a seguito dell’espulsione di Sanchez, la squadra di Conte ha dimostrato compattezza dopo che i blucerchiati avevano accorciato le distanze ad inizio ripresa. Segue a distanza di due punti la Juventus, sbarazzatasi senza troppi patemi della SPAL nonostante un Berisha in versione Superman.

Ha vinto anche il Napoli, che dopo il ko casalingo infrasettimanale contro il Cagliari si è imposto sempre al San Paolo su un Brescia che ha ritrovato Balotelli, tornato al gol in Italia dopo quattro anni dall’ultima volta. In mezzo però troviamo l’Atalanta, terza in classifica dopo il netto successo in casa di un Sassuolo che fa acqua da tutte le parti in difesa.

Tre punti a testa anche per le romane. La Roma ha sbancato Lecce di misura e soffrendo, mentre la Lazio ha rifilato un poker senza possibilità di replica ad un Genoa sempre più in crisi. Crisi che è diventata la parola d’ordine per il Milan: il Diavolo si è arreso anche alla Fiorentina dell’ex Montella ed ora Giampaolo rischia sul serio.

Nelle altre partite successo salvifico dell’Udinese, che ringrazia Okaka e sconfigge il Bologna con la minima distanza, mentre è arrivato solo un pari per il Cagliari contro il Verona: ma i sardi restano comunque in orbita europea. Per concludere, scoppiettante monday night al Tardini, dove i padroni di casa del Parma hanno sconfitto nel finale il Torino, questi ultimi in dieci uomini dalla fine del primo tempo.

I risultati della 6a giornata di Serie A

Juventus-SPAL 2-0

Sampdoria-Inter 1-3

Sassuolo-Atalanta 1-4

Napoli-Brescia 2-1

Lazio-Genoa 4-0

Lecce-Roma 0-1

Udinese-Bologna 1-0

Cagliari-Verona 1-1

Milan-Fiorentina 1-3

Parma-Torino 3-2

La classifica dopo la 6a giornata

Inter 18; Juventus 16; Atalanta 13; Napoli 12; Roma 11; Lazio, Cagliari 10; Torino, Parma 9; Fiorentina, Bologna 8; Udinese 7; Sassuolo, Verona, Brescia, Milan, Lecce 6; Genoa 5; SPAL, Sampdoria 3.

Articolo precedenteJuventus, Buffon: “Orgoglioso di cosa sono e di cosa voglio diventare”
Articolo successivoNapoli, si ferma Maksimovic: out contro il Genk

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui