[df-subtitle]Gattuso sa che il suo Milan doveva fare qualcosa in più: “Col 4-4-2 siamo più sterili. Ora vediamo con la Fiorentina, mancheranno due giocatori importanti”[/df-subtitle]

Il Milan non riesce proprio ad allungare sulla Lazio: contro il Bologna finisce 0-0 e il pareggio sa tanto di occasione persa. Gattuso, ai microfoni di Sky nel post partita, è leggermente amareggiato.

Ecco le sue dichiarazioni: “Penso che abbiamo palleggiato in modo sterile. Centralmente dovevamo fare qualche combinazione in più, serviva questo per vincere. Ci è mancata la stoccata. Potevamo verticalizzare di più, facevamo il solletico. Le palle gol andavano sfruttate meglio. Abbiamo fatto una partita mediocre”.

Un’analisi sul modulo: “Per tanto tempo nella mia gestione abbiamo giocato 4-3-3, si riempiva meglio l’area con interpreti diversi. Bonaventura si inseriva bene. In questo momento, con il 442, per gli avversari è più facile la lettura. In questo momento è così. Il cambio di Cutrone? Ci sta che chi è sostituito possa prenderla male. L’importante è che finisca lì. In questi giorni, io e Patrick faremo una chiacchierata per il cambio. Quando si gioca con due attaccanti, se uno non fa i movimenti al contrario, si fa il solletico. La scelta di togliere Cutrone è perché Castillejo gioca fuori e salta l’uomo. Mi sembravamo troppo piatti. Non siamo una squadra che ama andare sul fondo e mettere la palla in area. Penso che è vero che i loro quinti marcavano Suso e Calhanoglu, ma quante volte nel primo tempo abbiamo mandato Calabria sul fondo? Poi però se non attacchiamo bene la porta facciamo fatica, sviluppiamo in maniera non corretta. Il problema è stata la facile lettura. Dovevamo fare di più. Kessie nel primo tempo a campo aperto ci è andato”.

In vista della Fiorentina: “Vediamo, sicuramente mancano due giocatori importanti come Bakayoko e Kessie. Abbiamo qualche centrocampista in panchina, ci inventeremo qualcosa. Non partiamo sconfitti. Ci teniamo questo punto sapendo che potevamo fare meglio. Abbiamo pareggiato in modo sterile. È difficile quando si gioca con una squadra rinunciataria, lì deve uscire fuori la qualità della squadra” .

Infine, un commento sull’amicizia che lo lega a Pippo Inzaghi: “Io più saluto forte più stimo la persona. Quando la cinquina forte non arriva vuol dire che non apprezzo abbastanza. Io sono contento del mio lavoro, mi piace, lo faccio con passione, ti fa invecchiare di più ma mi fa sentire vivo. Mi dà tanto”.

Articolo precedenteSerie A, Bologna – Milan 0-0, Inzaghi: “Abbiamo dato una bella risposta contro un grande attacco, siamo stati straordinari”
Articolo successivoInter, Marotta: “Le dichiarazioni di Wanda? Forse un po’ di silenzio farebbe bene…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui