Panchina Sassuolo: esonerato Dionisi, il club emiliano cerca un nuovo tecnico che possa salvare la situazione: Ballardini, Grosso oppure…

Quattro indiziati, un unico grande obiettivo: salvare una squadra rientrata clamorosamente nelle sabbie mobili costituite dalla zona retrocessione e reduce da una serie negativa di risultati. Dall’Empoli, all’Empoli: Alessio Dionisi aveva allontanato i rumors riguardanti un eventuale esonero nel corso della gara d’andata, datata 26 novembre, nella quale il Sassuolo si era imposto al Castellani nel finale ribaltando il risultato e vincendo 4-3. Nell’anticipo di ieri, il tecnico ha subito la rivolta dell’ex squadra perdendo 3-2 proprio all’ultimo respiro dopo aver raddrizzato il risultato ben due volte, e subendo la contestazione di alcuni sostenitori neroverdi al termine del match. In attesa di un comunicato ufficiale che sancisca la fine della storia tra Dionisi e il Sassuolo, atteso comunque in giornata, il club è già alla ricerca di una nuova guida tecnica.

Secondo quanto riferito da SkySport, il casting tutto emiliano per la complicata salvezza del club si sarebbe ridotto a tre nomi, più un ipotetico outsider raffigurato in una soluzione interna: Bigica, tecnico dalla Primavera. Il prescelto, al netto delle difficoltà riscontrate nel trovare un accordo che possa svincolare lo stesso candidato da un oneroso contratto con la Cremonese, sarebbe Davide Ballardini, esperto di questo genere di imprese in virtù delle otto salvezze conquistate su nove tentativi da subentrato.

Sassuolo, casting per il post Dionisi; non solo Ballardini: i nomi

Gli altri profili al vaglio della società sarebbero quelli di Fabio Grosso, reduce da una negativa avventura al Lione e Leonardo Semplici, attualmente svincolato e in attesa di una chiamata da parte del club neroverde per tornare in panchina dopo diversi mesi dall’esonero con lo Spezia. Di certo, il recupero in programma mercoledì tra Sassuolo e Napoli, non vedrà tra i principali protagonisti Alessio Dionisi, reo di aver fatto registrare una stagione nettamente al di sotto delle aspettative di un club che occupa stabilmente i salotti della Serie A da undici anni.

Articolo precedenteCessione Inter. Zhang non lascia, posticipa: avanti con Oaktree
Articolo successivoBonaventura, la quiete con la Fiorentina dopo la tempesta: rinnovo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui