Domani sera la Roma scenderà in campo a Genova contro la Sampdoria. Dopo il punto ottenuto grazie al pareggio con la Fiorentina, la squadra di Ranieri ha bisogno di una vittoria per non allontanarsi dalla zona Coppe. L’allenatore della Roma si è presentato in conferenza stampa alla vigilia del match, per rispondere alle domande dei giornalisti. Di seguito le sue dichiarazioni:

Situazione infortuni.
Santon sarà visitato oggi e temo che abbia qualcosa di grave, perché lui è un ragazzo indistruttibile e non si ferma mai. Per essersi fermato significa che è qualcosa di importante. Perotti? nulla di grave però non sarà disponibile per domani. El Shaarawy è recuperato. Pastore ancora no. Sta cercando la migliore condizione fisica e sta lavorando. Florenzi torna la prossima settimana”.

Elementi positivi dopo il pareggio contro la Fiorentina.
“Il punto non sembra sufficiente, per come era la situazione un punto con una prestazione così importante che è andata a migliorare nella ripresa fa capire ai ragazzi che stanno bene e fisicamente ci sono. Aver rimontato per due volte vuol dire che stanno facendo un grosso lavoro mentale e di questo sono molto contento”.

De Rossi?
“Quelli che ho recuperato non hanno i 90 minuti nelle gambe. Daniele voleva esserci anche con la Fiorentina, è uno che non molla mai e può darci una grande mano in questo finale di campionato”.

Vedremo Under titolare?
“Sicuramente non ha i 90′ per cui valuterò tra oggi e domani l’undici titolare”.

Zaniolo resta?
“Nicolò ha detto più volte che vuole restare a Roma, il ragazzo ha un contratto massimo, fino al 2023. Capisco che fa notizia ma la società non intenzione di venderlo, lui non vuole andare via. Per cui restiamo tranquilli, il ragazzo vuole restare qua e la Roma lo vuol trattenere. Spero che questo sia il punto di questa vicenda”.

Conferma Mirante?
“Mirante ha fatto bene e penso di confermarlo. Io sono sempre molto restio a cambiare, la psicologia di un portiere è una cosa particolare. Ho voluto far riposare Robin, ma ha tutta la mia considerazione”.

Kluivert e il mugugno dell’Olimpico.
“Il mugugno dell’Olimpico non so se era per la sua prestazione o per il mio cambio perché stava facendo ben. Di Kluivert sono molto contento, a quell’età non è facile lasciare casa e venire in una piazza importante come Roma. Ma se andiamo a vedere la sua prova è stato l’uomo che ci ha fatto fare due gol con i suoi assist. Credo che sia una cosa importante per un ragazzo giovane come lui. Ha una vivacità impressionante, un’accelerazione devastante. Lui e Under mi saranno molto utili da qui alla fine del campionato”.

Quarto posto possibile? Come sta Dzeko?
“La partita con la Fiorentina ha dato una buona iniezione di fiducia, ma voglio vedere la conferma con la Samp e sarà una partita importante. Dzeko l’ho visto muoversi bene, con volontà e determinazione. Non ha fatto gol e sappiamo che per un goleador è importante, nella vita di ogni goleador c’è un anno “ni”. Si sta muovendo e sta giocando per la squadra. Alcune volte è un po’ egoista, come tutti gli attaccanti, e quando le cose vanno male vuoi sbloccarti. Io sono contento della sua prestazione. Mi auguro che possa star bene, perché vi dico che è “pisto” di botte e mi auguro che possa star bene e ci possa dare una grossa mano”.

La Sampdoria.
“Stimo molto Giampaolo. le sue squadre pressano molto e  noi dovremo essere lucidi a far girar palla e a verticalizzare. Perché come teniamo palla facciamo il gioco della Samp”.

Pellegrini.
“Sta bene, ma non ha i 90 minuti. Quando è entrato avete visto che è cambiata la partita, sa giocare in quel ruolo difficilissimo che è il trequartista, ha una capacità di corsa notevole ed è un altro pezzo importante della Roma”.

Torna Manolas. Con chi giocherà?
“Fazio ha fatto un secondo tempo sontuoso, determinato e cattivo, ha vinto tutti i duelli. Jesus tutte le volte che l’ho chiamato da quando sono qui ha risposto sempre molto bene. Marcano è un ragazzo molto intelligente e il più bravo a giocare la palla e tutti e tre possono giocare con Manolas”.

Articolo precedenteMilan, Gattuso in conferenza: “Dopo il derby ci siamo smarriti, la Juve arriva al momento giusto”
Articolo successivoParma, D’Aversa: “Vogliamo rifarci contro un Torino fisico e ben strutturato in momento positivo. Le critiche…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui