La Salernitana continua a vivere una stagione altamente negativa: squadra sconfitta anche a Cagliari e Liverani già a rischio esonero

Continua la caduta libera della Salernitana, ultima in classifica e sconfitta anche nella tappa di Cagliari, in quella che, probabilmente, avrebbe potuto rappresentare la classica ultima spiaggia per una squadra in netta difficoltà. L’avvicendamento in panchina che ha condotto Fabio Liverani sulla panchina dei granata, al momento, non ha sortito gli effetti sperati: un punto in quattro partite, undici reti subite e solamente tre messe a segno nella porta avversaria. La zona salvezza si allontana sempre di più e, come se non bastasse, in una situazione già compromessa si sta registrando anche il caso Dia, con il centravanti fuori squadra e separato in casa da tempo. Secondo quanto riportato da Alfredo Pedullà, la posizione del tecnico, dopo appena 360 minuti sulla panchina dei campani, sarebbe già altamente a rischio.

Al momento, non si escludono possibili ribaltoni, anche se appare improbabile un ritorno di Filippo Inzaghi, con l’ex allenatore del Milan che aveva espresso tutto il proprio dissenso pubblicamente per l’operato di Walter Sabatini, Direttore Sportivo del club. Nel frattempo, Liverani, intervenuto in conferenza stampa al termine del match di Cagliari, gara terminata 4-2 per la squadra di Ranieri, ha escluso a priori l’ipotesi dimissioni rimettendosi a quelle che saranno le scelte della società nelle prossime ore dichiarando: “Penserei ad andarmene solo se la squadra non mi seguisse. Penso non sia neanche giusto additare ogni colpa alla guida tecnica, ma la dirigenza farà le proprie valutazioni e se ne discuterà. Non penso sia questo il problema della Salernitana, sinceramente”.

Dichiarazioni non confutate dallo stesso Sabatini il quale, intercettato dai microfoni di Dazn, ha espresso tutto il proprio dispiacere e rivolto le proprie scuse, soprattutto in relazione al proprio operato, all’ambiente e agli stessi tifosi intimandoli di non abbandonare la squadra in un momento così complicato.

Articolo precedenteMilan, il fortino è crollato: il grande obiettivo è Buongiorno
Articolo successivoGenoa-Monza, Gilardino: “Testa bassa, torniamo a fare punti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui