Probabile svolte nelle indagini sull’aereo scomparso nei pressi della Manica su cui viaggiava Emiliano Sala. Secondo gli investigatori britannici, infatti, in base a un esame preliminare, i due cuscini che sono stati ritrovati su una spiaggia francese della penisola di Cotentin, in Normandia, provengono “probabilmente” dall’aereo scomparso.

“Lunedì 28 gennaio, al mattino, il Bureau d’Enquetes et Analyses (dell’aviazione civile francese, ndr.) ci ha informati che una parte del cuscino del sedile è stato ritrovato su una spiaggia di Surtainville, nel dipartimento della Manica, nella penisola di Cotentin”, si legge in una nota diffusa dall’Aaib, l’organismo che ha condotto le ricerche la settimana scorsa.

Un secondo cuscino è stato ritrovato poco più tardi nella stessa zona. Secondo le ricostruzioni, è probabile che quei pezzi provengano dal Piper da turismo su cui viaggiava Sala, giocatore del Nantes che era appena stato acquistato dal Cardiff. Intanto, gli inquirenti hanno annunciato che lanceranno ricerche sottomarine per ritrovare i resti dell’apparecchio, in collaborazione con le operazioni di ricerca private, finanziate con una raccolta fondi a favore del bomber argentino a cui hanno aderito tanti nomi noti del calcio e lanciate dalla famiglia Sala. A causa delle cattive condizioni meteo, potranno tuttavia cominciare solo al termine del week-end e dureranno tre giorni.

Articolo precedenteCoppa Italia, Di Francesco: “Una pessima prestazione. Chiedo scusa ai tifosi.”
Articolo successivoMercato Empoli, colpo a sorpresa: in arrivo Farias dal Cagliari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui