In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Sabatino Durante, noto procuratore ed esperto di calcio sudamericano.

Ecco quanto emerso.

Everton-Napoli: Lozano doveva sostituire Insigne, dato per partente; non essendo arrivate offerte per il napoletano si è cercato di schierare il messicano da punta. Everton sarebbe il sostituto ideale di Insigne, ma non lo prenderei, visto che l’attuale capitano del Napoli è considerato insostituibile. La valutazione del brasiliano è calata, oggi con 25 milioni si riuscirebbe a prenderlo. Sicuramente Everton non potrebbe sostituire Callejon, avendo delle caratteristiche completamente diverse rispetto allo spagnolo”.

Bentancur e Paquetà: “Bentancur è un grande giocatore e ha anche tanti margini di miglioramento; ha il classico comportamento dei calciatori uruguaiani che danno tutto in campo. In Sud America ci sono molti giocatori in quel ruolo a differenza degli attaccanti che scarseggiano; il problema è capire se i club europei sono capaci di mettere nelle migliori condizioni questi talenti. Noi italiani in quest’aspetto non siamo propriamente i migliori; lo dimostra Paquetà, che per noi è un trequartista anomalo, visto che ha bisogno di creare un dialogo con la punta di riferimento; personalmente sarebbe perfetto per il calcio spagnolo, un pò come è accaduto per Rivaldo. Spesso e volentieri compriamo giocatori non sapendo come posizionarli in campo”.

[df-subtitle]Sabatino Durante su Kaio Jorge, Pedro e Gerson:[/df-subtitle]

“Kaio non è pronto per la Juventus e neanche per il Santos. È un profilo giovane e di qualità che potrebbe essere utilizzato dai bianconeri per riempire la casella degli extracomunitari. Qualche volta ne escono ottimi giocatori come Bentancur – sottolinea Sabatino Durante – ma in altri casi vengono poi usati in altre trattative come pedine di scambio.

Su Pedro c’è poco da dire e se non si fosse infortunato sarebbe stato il centravanti del Brasile. Ha fatto bene Pradè a prenderlo a quelle cifre ma non ci si poteva aspettare grandissime prestazioni immediatamente; aveva bisogno di più tempo. È un giocatore di grande potenziale che necessita ancora di riposo per recuperare pienamente la migliore condizione fisica e mentale.

Inoltre mi piace citare anche Gerson, che a Roma è stato schierato in diversi ruoli senza mai emergere; mentre in Brasile al Flamengo è stato collocato nella giusta posizione e i risultati si sono visti; basti pensare alla prestazione sublime offerta nella finale del Mondiale di Club contro il Liverpool, dove è stato l’assoluto padrone del centrocampo”.

Urzi: “È un buon prospetto ma vale lo stesso discorso fatto per Kaio Jorge. In Sud America al momento ci sono pochi calciatori pronti per poter giocare nelle grandi squadre italiane; profili come Lautaro Martinez, già pronti per l’uso capitano raramente”.

[df-subtitle]Sabatino Durante sugli affari di mercato:[/df-subtitle]

“Noi italiani non conosciamo i giocatori, spesso ci si basa solo sul nome. Un caso può essere Felipe dell’Atletico Madrid che ha giocato meglio di De Ligt, ma la spesa del club spagnolo è stata nettamente inferiore; stessa discorso dicasi per Renan Lodi, che è stato acquistato ad un prezzo irrisorio e avrebbe fatto comodo a diverse squadre italiane; non è un caso che sia titolare nella nazionale brasiliana dove viene preferito ad Alex Sandro”.

Lautaro-Barcellona: “Non me ne priverei perché diventerà nel giro di pochi anni un assoluto fuoriclasse, ma di fronte a certe cifre si può cedere. Vi aggiungo un aneddoto: Lautaro Martinez era virtualmente un calciatore dell’Atletico Madrid; poi il club spagnolo ha preferito virare su altri obiettivi, non considerando l’argentino una punta centrale. In questo situazione di impasse si è mossa l’Inter – spiega Sabatino Durante – la quale è stata brava a recuperare il terreno che aveva perso; e a chiudere l’operazione.”

Arthur-Juventus: “Lo vedrei molto bene alla Juventus, è un giocatore di grande qualità e potrebbe benissimo sostituire Pjanic. Non capisco perché il Barcellona possa privarsi di un calciatore di tale spessore”.

Nunez, il nuovo Cavani: “Speriamo per lui che possa diventare il nuovo Cavani. Sono molto contrario a dare delle etichette, considerato che i giocatori spesso e volentieri sono totalmente diversi tra loro”.

Articolo precedenteCampolonghi: “Fratelli Inzaghi hanno una determinazione fuori dal comune. Tonali può diventare un campione”
Articolo successivoPremier League positivi 6 al Covid-19, tre di club differenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui