Ryan Gibson, molto probabilmente non tutti lo conoscete. Io l’ho conosciuto grazie al social network Instagram. Vi racconto brevemente la storia di questo giovane tifoso del Bayern Monaco. Ryan Gibson ha perso l’occhio destro per un melanoma oculare, una forma rara di cancro che colpisce una persona su quattro milioni. Ex marinaio militare, è un commerciante sportivo e controllore del traffico nel suo distretto scolastico locale a York, Carolina del Sud. Incredibilmente Ryan è ancora in grado di svolgere il suo lavoro di giorno, “Il mio occhio sinistro è diventato tre o quattro volte più forte dopo aver perso il destro”.

Ryan Gibson non è l’unico caso al mondo

Incredibilmente, Ryan non è l’unico appassionato di calcio al mondo ad avere un occhio di vetro con il marchio del club. Il tifoso del Newcastle United Andrew Canavan ha una cresta del Toon incisa sulla sua protesi oculare. Tuttavia Ryan è l’unico ad avere un occhio dipinto a mano.

L’occhio e le opere d’arte sono state create da Anna Boyd-Jefferson , oculista della Carolina Eye Prosthetics di Burlington, nel North Carolina. La diagnosi completa – tra cui trattamento, chirurgia, creazione di occhi protesici e scansioni di follow-up – andrà ben oltre le decine di migliaia di euro per un uomo che non è assicurato a causa di una condizione preesistente che porta a premi elevati.

Inoltre, il processo di creazione dell’occhio richiedeva l’approvazione nientemeno che del Bayern stesso.

Inizia la cavalcata

“Ho dovuto ottenere il permesso dal Bayern per usare il logo poiché il Bayern possiede il copyright internazionale per le attrezzature mediche. Questo è tecnicamente un equipaggiamento medico. Non volevo essere denunciato dal Bayern, ma sono stati davvero utili “, dice.” Dall’inizio alla fine dopo il mio appuntamento post-operatorio ci sono volute solo due settimane.”

“Sono stato nel loro ufficio di New York. I ragazzi di Monaco sono stati colti alla sprovvista perché è una richiesta che non è mai stata fatta. Pensavo che potessero vedermi come una persona matta e pazza ma hey, almeno non sto combattendo nel parcheggio fuori dallo stadio!”

“Avrei potuto avere un occhio naturale e indossarlo solo per i giorni di gioco, ma non sono quel tipo di persona – lo indosserò ogni giorno dell’anno”.

In Esclusiva abbiamo posto alcune domande al caro Ryan:

Ryan Gibson com’è nato l’amore per il Bayern?

Il mio amore per il Bayern è nato da mio nonno che viveva a Stoccarda, Heilbronn e Monaco. Anche mio padre è nato a Heilbronn. Mio nonno mi raccontava molte storie di Monaco e della Germania e fu quello che aprì il mio cuore al Bayern Monaco. Mio nonno purtroppo l’anno scorso è finito e sebbene le partite del Bayern siano i miei 90 minuti di pace dai problemi della vita, mi fanno sentire ancor di più la vicinanza di mio nonno.

Il Bayern è a pari punti con il Borussia Dortmund, cosa ti aspetti da questo campionato?

Il Bayern è all’altezza della BVB, con loro ancora in gara domani il Bayer Leverkusen. Ma ho visto che il Bayern mostra una grande capacità di recupero e che non smette mai di abbandonare l’atteggiamento che mi ha fatto amare questa squadra. Questa è sicuramente una stagione di transizione per il Bayern, ma potrò veder vincere un settimo titolo consecutivo nel giorno della partita finale della stagione. Un po’ come abbiamo fatto nella stagione 1971/72.

Ryan Gibson, il 13 Marzo ci sarà la partita di ritorno con il Liverpool, le tue sensazioni per questa Champions?

La gara di ritorno contro il Liverpool all’Allianz Arena, uno dei posti più difficili da giocare in una serata di CL. Purtroppo non siamo riusciti a segnare un gol in trasferta ad Anfield, ma lo 0-0 va bene per me. Il Bayern deve semplicemente vincere in casa. Non ci sono fantasiose equazioni matematiche. ma conta solo vincere e noi passiamo il turno.

Un pensiero su Lewandowski, ormai sempre più bandiera

Robert Lewandowski è, ai miei occhi, il miglior numero 9 del mondo. Quella in corso è una delle sue migliori stagioni con gol e assist. Sono estremamente orgoglioso di avere RL 9 al Bayern Monaco. Mi piacerebbe vederlo rimanere fino a fine carriera, quindi siamo al sicuro per molti anni. Credo che abbia almeno 4 anni ancora da giocare.

Ryan Gibson cosa ti senti di dire a chi ha una storia come la tua?

Non solo per le persone che hanno una storia come la mia, ma per tutti. Godetevi la vita. Ogni secondo è come l’ultimo. Morirai un giorno. Quindi abbraccia la vita che hai, abbraccia quelle cicatrici del passato che ti hanno reso quello che sei, abbraccia quelle persone che ti sostengono attraverso tutto questo, goditi il ​​tempo con i tuoi cari, non mollare mai tutto ciò che vuoi fare. La vita può essere un posto meschino e può gettare molti ostacoli sul tuo cammino. Spetta a te andare in giro a realizzare ciò che vuoi. Inoltre, dedica del tempo ad aiutare i tuoi simili, cerca di motivarli o ispirarli per ottenere e non criticare ogni loro mossa. Dobbiamo iniziare ad aiutare di più quelli che ci odiano. Perché se riesci a raccontare una parte della tua vita e li ha ispirati a cambiare pensiero, hai lasciato la tua firma su questo mondo e non sarai mai dimenticato.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte e dell’autore.

Articolo precedenteLiga: Super Morata lancia l’Atletico, tre punti anche per il Real Madrid
Articolo successivoWanda Nara: “Icardi vero interista, e sull’atteggiamento di Perisic…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui