Antonio Rudiger, centrale tedesco e leader del Real Madrid, ha rilasciato delle dichiarazioni lodando in particolar modo Thomas Tuchel

Roma, Stoccarda, ancora Roma, Chelsea per un quinquennio e, dal 2022, il Real Madrid: il percorso di Antonio Rudiger ha effettuato un giro di mezza Europa tra Italia, Germania, Inghilterra e Spagna con un unico comune denominatore: la leadership e la titolarità, a parte nel breve periodo vissuto con Lampard, a Londra. È stato allenato da tanti importanti allenatori, come ad esempio Conte, Spalletti, Ancelotti e Tuchel, ai quali è grato per aver contribuito nel costante miglioramento che l’ha condotto ad essere una pedina fondamentale per la squadra più titolata al mondo, il Madrid. Ha vinto tantissimo in Europa e nel Mondo, anche più di una volta. Il centrale tedesco, nel corso di un’intervista rilasciata a Goal Germania, ha designato il tecnico più influente per il suo glorioso percorso.

Thomas Tuchel. Se proprio dovessi scegliere il miglior tecnico col quale ho collaborato, menzionerei lui; non solo dal punto di vista tattico, elemento nel quale eccelle, ma anche per la natura onesta che lo contraddistingue. Ancelotti è una persona molto tranquilla, infonde fiducia, mentre Conte ha bisogno di moltissima disciplina ed è comunque un grande allenatore. Spalletti ha fatto qualcosa di incredibile a Napoli ed è un tecnico grandioso. Però, tra tutti, metterei Tuchel al primo posto. Dovevo andare al Paris Saint Germain, lui mi voleva a Parigi ma, alla fine, lui è sbarcato al Chelsea ed abbiamo vinto la Champions League. Probabilmente, era destino accadesse”, ha dichiarato Rudiger.

Oltre all’articolo: “Rudiger: “Tra Tuchel, Ancelotti, Conte e Spalletti, scelgo il primo”, leggi anche:

  1. Calendario Atalanta, da Milano (due volte in 72 ore) a Napoli: un mese e mezzo che dirà molto
  2. Verona-Juventus, Allegri: “Trasferta sempre complicata, serve attenzione nei dettagli”
  3. Liga e Bundesliga, prima vs seconda: Real Madrid uragano contro il Girona, ko Bayern a Leverkusen
Articolo precedenteJuve, Di Gregorio erede di Szczesny?
Articolo successivoBologna-Verona, Baroni: “Bisogno di gol, avversario che gioca bene, in salute e fiducia”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui