ROMA-VERONA DE ROSSI –

Daniele De Rossi ha parlato questa mattina nella sua prima conferenza stampa da allenatore della Roma. Domani, l’esordio all’Olimpico contro l‘Hellas Verona:

Succede quando cambi allenatore vedere i giocatori a tremila all’ora, inevitabile, è sempre così. Sembrano delle spugne e sono contento, li ringrazio. Totti? Ci siamo sentiti, mi ha mandato un messaggio, il suo stupore e ci siamo promessi di vederci“.

Gli obiettivi:Sarei contento se fossimo nelle prime quattro in classifica, non facile da raggiungere ma possibile. Quando cambi allenatore i problemi ci sono sempre, non è una cosa rara nel mondo del calcio. Devo cercare di partire dallo 0-0, in pochi giorni non fai in tempo a vedere tutto anche se da tifoso ho visto tutte le partite“.

De Rossi aggiunge: “La Roma non si rifiuta, non è solo un discorso di vezzo o nostalgia del passato; uno fa l’analisi dei valori della squadra, l’unico motivo per dire di no è fare brutta figura e non avere una squadra forte. Ci sono allenatori bravi dove ad occhi chiusi riconosci la mano dell’allenatore, Guardiola, De Zerbi e vedere una squadra riconoscibile, organizzata, gioca bene e vince basta e avanza“.

L’accordo con la proprietà:I presidenti sono stati chiarissimi per durata del contratto e la mia permanenza, c’è un bonus sulla Champions, unica cosa ma avrei firmato in bianco. Gli ho chiesto di trattarmi da allenatore e mi giocherò tutte le carte. Una riconferma sarebbe un sogno per me“.

Le sue idee sul campo:Mi sono innamorato di questo lavoro con Spalletti e poi Luis Enrique, questi allenatori che portano tanti giocatori in fase offensiva e difesa a quattro ma penso si possa difendere in un modo e costruire in un altra. Vediamo di decidere, si può anche cambiare in corsa“.

L’aria attuale di Trigoria e i tifosi:Un allenatore così tanto amato deve considerare tanti fattori, la reazione poteva essere più devastante e penso che i tifosi abbiano portato dei punti, capaci di amare due persone insieme. E’ una scelta ponderata, scopriremo se giusta tra qualche tempo e io ho approfittato di questa grandissima occasione. Mi aspettavo un ingresso più graduale ma la storia del calcio è così, anche Raffaele Palladino. Mi sento allenatore della Roma, ci si può rispettare anche essendo amici e non devo fingere“.

Mourinho:Gli ho mandato un messaggio, non di circostanza. E’ stato uno dei primi quando ho firmato per la Spal“.

Il mister giallorosso conclude così: “La Roma ha avuto delle alternanze, ho visto anche buone partite, contro l’Atalanta, il Napoli. Il Verona è squadra solida, un allenatore che stimo tanto e la sua eleganza la ammiro molto, grande fisicità e gioco definito. L’emozione dell’esordio non deve farci brutti scherzi, ci sarà ma spero di no magari un pò di malumore e dobbiamo essere caldi“.

 

OLTRE A “ROMA-VERONA, DE ROSSI...”, LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

  1. Roma-Verona, Baroni: “Nuove opportunità e presupposti per far bene, crescere e lottare, nonostante tutto”
  2. Verona, Setti richiesto dai tifosi: tempo di chiarimenti
  3. Lazio, Lotito post derby CI: “Ha vinto il gruppo con merito. E’ cambiata…”
  4. Tottenham, Udogie rinnovo a lungo termine: “Qui a casa e subito benvenuto”
  5. Verona, Sogliano: “Uniti, ritrovare carattere e ciò che è scattato l’anno scorso”
  6. Napoli, Di Lorenzo: “Mazzarri si è presentato benissimo, speriamo di continuare”
  7. Verona, Ngonge da uomo della salvezza a uomo per la salvezza
  8. Cagliari, Luvumbo dev’essere una risorsa e non una soluzione
  9. Nizza, Farioli si racconta ad Euro Show
  10. Brescia-Maran, guarda chi si rivede: il mister trentino ritrova la panchina
  11. Cagliari-Frosinone 4-3, Ranieri: “Cuore immenso”. Di Francesco: “Inspiegabile”
  12. Bologna, Zirkzee conquista i rossoblù ma ora lasciamo stare Arnautovic
  13. Serie A, Hernanes: “L’inter la più forte, Juventus e Lazio…”
  14. Milan-Verona apre il sabato della 5a di Serie A: timbra Leao
  15. Milan-Newcastle, battaglia al Meazza: è 0-0
  16. Cagliari, Petagna: “Contento e a disposizione, mister Ranieri…”
  17. Italia, Spalletti: “Felicità, sogno che parte da lontano. Napoli…”
  18. Nuovo stadio Cagliari, ufficiale: sarà “Gigi Riva”
  19. Cagliari, Ranieri: “Tutti mi aspettavano, abbandonato l’egoismo e paura di rovinare”
  20. Atalanta, Percassi: “Continuiamo ad investire su stadio, squadra e giovani
Articolo precedenteBuongiorno: il Milan prova il rilancio, ma sonda già le alternative
Articolo successivoBologna, arriva Ilic: il comunicato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui