Roma, la situazione societaria: a che punto siamo?

Roma, la situazione societaria: a che punto siamo?

ROMA SITUAZIONE SOCIETARIA - Con l'exploit dei biancocelesti, i tifosi romanisti si interrogano sul futuro della Roma

ROMA SITUAZIONE SOCIETARIA – La vittoria della Lazio contro l’Inter ha iniziato ad impaurire i tifosi romanisti mai convinti realmente, almeno fino a domenica sera, che i biancocelesti potessero davvero lottare per lo Scudetto. La vittoria sui nerazzurri ha però cambiato tutto e ora i sostenitori giallorossi hanno paura di veder trionfare i cugini laziali. Ecco perchè auspicano che la situazione societaria della Roma si definisca in fretta: l’arrivo di Dan Friedkin si sta caricando di nuove aspettative. Ma a che punto siamo?

 

ROMA SITUAZIONE SOCIETARIA 

Con il nuovo proprietario potrebbe esserci una rivoluzione. Anche se graduale. Per intenderci, nel 2011, quando il club giallorosso passò dalla gestione Unicredit (che l’aveva di fatto sottratta alla famiglia Sensi per via dei debiti) a quella della cordata Usa guidata da Tom DiBenedetto, l’accordo fu trovato ad aprile, ma il closing arrivò ad agosto. Per quanto riguarda il presente invece, è virtualmente terminata la due diligence sulle 12 società che compongono la galassia As Roma. Presto sarà convocato il board del Friedkin Group per l’assenso all’acquisto, con relativo placet all’offerta vincolante. A quel punto, se Pallotta accetterà, si apporranno le firme sui contratti preliminari (il signing; circa tra fine febbraio e primi di marzo) e partirà l’Opa in Borsa. Insomma, se tutto andrà per il verso giusto, il passaggio di proprietà (closing) avverrà a fine stagione, anche se con una possibile limatura di prezzo rispetto ai 780 milioni stabiliti, qualora non arrivasse la Champions.

ROMA SITUAZIONE SOCIETARIA – L’uomo operativo nella Capitale sarà il figlio Ryan e, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, è molto probabile che la nuova proprietà possa iniziare subito i colloqui con la Uefa. L’idea è quella di essere il primo club italiano ad accedere al voluntary agreement, concesso ai nuovi proprietari per investire più del lecito. Ovvero, invece di poter sforare di soli 30 milioni in un triennio, si potrà andare oltre, tenendo però conto dell’investitore (la sua solvibilità), del fatturato di partenza e del piano di rientro, la cui tempistica è da modulare.

Per quanto riguarda invece gli uomini della attuale società, Fonseca ovviamente è legato ai risultati. Ad essere in bilico più di tutti è Petrachi che non ha convinto più per forma che per contenuti. In entrata si parla di Umberto Gandini, ex a.d. Il sogno della dirigenza per il ruolo di direttore sportivo è Berta, ma strapparlo all’Atletico Madrid è difficile. Piace anche Paratici, che però andrebbe via dalla Juve solo in caso di flop, mentre più percorribile è la strada per Faggiano del Parma. Tanti nomi e una certezza: il futuro della Roma è cominciato.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply