Roma Milan Fonseca – Dopo il pareggio beffa rimediato contro il Borussia Monchengladbach, la Roma tornerà in campo domani contro il Milan di Pioli. Una partita importante per entrambe le squadre, che cercano continuità e certezze in campionato. L’allenatore giallorosso Fonseca è intervenuto in conferenza stampa per commentare l’avversario di domani. Di seguito sono riportate le sue dichiarazioni:

Mancini potrebbe giocare di nuovo a centrocampo?
“Si è possibile, anche perché non abbiamo molte alternative al momento. Del resto ha fatto una buona gara e non c’è necessità di cambiare”.

La squadra potrebbe sentire la stanchezza?
“Dati alla mano, con il Borussia è stata la gara dove abbiamo corso di più e su un campo pesante. La mia preoccupazione sarà recuperare la squadra dal punto di vista fisico e prepararla per il Milan che sarà più riposato”.

E’ possibile vedere Florenzi alto?
“Prendo in considerazione ogni possibilità visto il numero ridotto di giocatori”.

Perotti è tornato. Sarà titolare?
“Perotti si allena da un po’ con noi ed è pronto per giocare, non so se ha novanta minuti”.

Pastore.
“Giochiamo molto e quindi faccio delle rotazioni. Pastore ha giocato più del normale e non possiamo permetterci troppe rotazioni”.

Le condizioni di Under e Mkhitaryan.
“Mkhitaryan non si allena ancora con noi. Under inizierà oggi e domani non sarà a disposizione. Dalla prossima partita sarà una pedina in più”.

Fuzato è stato convocato dal Brasile.
“Siamo rimasti sorpresi anche noi. Evidentemente è anche compito della nazionale brasiliana conoscere il lavoro di un calciatore. Ho già parlato della bontà del lavoro di Savorani. La sua convocazione è motivo d’orgoglio per noi”.

Il Milan.
“Non so chi giocherà tra Leao e Piatek. Il nostro modo di giocare non cambia in base a chi giocherà di loro. Sono comunque due ottimi attaccanti”.

Veretout.
“L’impiego di Mancini gli dà maggiore libertà. E’ logico che sia così e si verificherà anche domani”

Come stanno i giocatori dopo la beffa contro il Borussia?
“La squadra sta bene, non possiamo cambiare il passato, dobbiamo pensare alla prossima partita. E’ stata una serata infelice per la direzione di gara, ma in questo momento dobbiamo pensare solo al Milan”.

Le parole di Capello su Zaniolo.
“Sinceramente non ho ascoltato le parole di Capello e preferisco non commentare. Mi limito a dire che crediamo tutti in Zaniolo, il suo è un talento immenso e deve continuare a lavorare per crescere. Non so se in passato ci siano stato influenze esterne, ma da quando sono qua ha sempre lavorato in modo esemplare e con dedizione”.

Spesso si sbaglia l’ultimo passaggio. Si può migliorare con l’allenamento?
“Abbiamo commesso degli errori negli ultimi 30 metri, ma è qualcosa di alienabile anche se non abbiamo molto tempo. Dipende anche dall’esperienza e abbiamo giocatori molto giovani come Kluivert, Zaniolo e Antonucci. Dobbiamo essere più attenti nell’ultima decisione. Durante la sosta che abbiamo avuto più tempo ci abbiamo lavorato, ma continueremo a farlo”.

Articolo precedenteLazio, Acerbi: “In campo fino a 38 anni e poi farò l’allenatore”
Articolo successivoRinnovo Mertens Napoli, possibile nuovo incontro a inizio novembre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui