ROMA SERIE A – La Roma batte il Verona al Bentegodi grazie ad una prestazione  non spettacolare ma particolarmente concreta. I giallorossi soffrono un ottimo Hellas, che trova il pareggio con Faraoni a metà primo tempo e  sfoderano una prestazione da grande squadra. La capacità di compattarsi nella sofferenza e colpire in modo cinico, sfruttando le poche occasioni concesse dai gialloblù, sembra ragalare al campionato una Roma più matura.

La squadra di Fonseca, come detto, soffre il pressing alto dei ragazzi di Juric ma chiude vittoriosa il match e si lancia in classifica. Dopo l’iniziale vantaggio di Kluivert ed il pareggio di Faraoni l’inerzia sembra propendere tutta per la squadra gialloblù. La Roma però non si scioglie ed anzi tira fuori una prestazione coraggiosa su un campo reso difficile anche dalla pioggia. Una squadra dunque battagliera che, prima con Perotti e poi con Mhkytarian, porta a casa una vittoria fondamentale.

La Roma ha il piglio della grande superando le fatiche del match di Istanbul giocato solo 72 ore prima; ha  il tempismo di chiudere il match quando stava diventando più insidioso. Questa vittoria certfica ancora di più il lavoro di mister Fonseca, il quale propone una squadra che per ottenere i risultati  non fa del bel gioco la sua unica  arma. La Roma ha ora un animo combattiva e uno spirito di gruppo che lo scorso anno erano completamente mancati.

ROMA SERIE A – Venerdi sera sarà di nuovo tempo di Serie A, con la sfida alla capolista Inter. La Roma si presenterà a San Siro con la voglia di continuare in un processo di crescita sembrato costante nelle ultime settimane. L’esame con i nerazzuri ci dirà se la squadra capitolina è davvero pronta per tornare grande e riprendersi un posto in Champions League. Intanto, ieri  sera, a Fonseca e i suoi è bastato essere pratici,  scusate se è poco.

LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:

  1. Udinese, De Paul sull’Inter: “Interesse nerazzurro mi lusinga. Ho parlato con Lautaro…”
  2. Roma, Gianluca Mancini: “Nazionale? Devo dimostrare il mio valore sul campo”
  3. Inter, senti Vidal: “Pronto a cambiare se non sono importante”
  4. Juventus Szczesny: “Non leggo i giornali, e le pagelle mi fanno ridere”
  5. Sinisa Mihajlovic: “Non sono un eroe, ma un uomo fragile. Basta lacrime”
Articolo precedenteNapoli, Ancelotti resta: la sua panchina traballa ma la squadra è con lui
Articolo successivoUdinese: la storia è sempre quella

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui