[df-subtitle]Al termine di Udinese – Roma ha parlato in sala stampa l’allenatore dei giallorossi Eusebio Di Francesco.[/df-subtitle]

Queste le parole riportate dall’inviato di EuropaCalcio:

“Fino al gol abbiamo dominato, l’Udinese non aveva mai tirato in porta. Siamo mancati nell’1-1 contro uno: meno male che non ci sono più soste, mettiamola così. Il calcio è fatto di individui, e abbiamo fatto troppi errori individuali. Prendere un gol come quello che abbiamo preso significa che c’è disattenzione da parte dei difensori e nelle letture. Stessa cosa davanti: avere quasi l’80% del possesso palla e non essere pericolosi è un’altra cosa sulla quale dobbiamo ragionare. L’Udinese non fa un calcio propositivo, ma per loro ha pagato. Ha ragione chi porta a caso il risultato, ma io la vedo in maniera differente. Loro hanno fatto questa partita difensiva come atteggiamento, ma noi fino al gol abbiamo dominato, e loro non hanno fatto nulla e buttavano la palla in avanti. Noi abbiamo fatto tanti errori, ma l’atteggiamento era quello giusto. Siamo mancati nel creare occasioni reali, gli uno contro uno, le conclusioni. Loro erano molto determinati, noi potevamo fare due gol nel primo tempo: il calcio è così. Brava l’Udinese, ma se facciamo un discorso razionale, la colpa è solo nostra, loro hanno fatto una partita difensiva  e noi dobbiamo vincerle queste partite. Noi uscivamo velocemente col pallone, ma loro ci aspettavano in maniera piatta e non ci permettevano di far girare la palla velocemente. Rigore su Pellegrini? Non mi interessa, non deve diventare un alibi, non è un discorso che mi interessa. La champions ci mette pressione? Sì, è vero, l’ambiente è condizionato dalle partite di Champions League.”

Articolo precedenteLazio, Inzaghi presenta la sfida col Milan: “Sarà uno scontro diretto. Ballottaggio Luis Alberto-Correa”
Articolo successivoUdinese, Nicola: “Grande pubblico, tanta emozione. Bene i 3 punti, ma dobbiamo migliorare”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui