Atterrato da pochi minuti a Ciampino il fiore all’occhiello della campagna acquisti della Roma, Javier Pastore. Subito grande entusiasmo attorno al Flaco, atteso da tantissimi tifosi romanisti per il primo bagno di folla, la prima investitura, la prima calorisissima accoglienza in giallorosso. Nonostante la partenza di Nainggolan che ha catturato lo scetticismo di tanti addetti ai lavori, il popolo romanista ha quindi accolto nel migliore dei modi l’arrivo dell’ex trequartista del PSG.

In cerca di rilancio, Pastore arriva a Roma nel pieno della maturità calcistica. Vuole tornare protagonista in una piazza capace di esaltare le sue straordinarie qualità tecniche. La Roma torna così a vantare grande qualità a centrocampo, ma perderà quella cattiveria agonistica necessaria nelle grandi competizioni: se fosse rimasto Nainggolan probabilmente Di Francesco avrebbe potuto allenare il centrocampo più forte e completo d’Italia.

Nelle prossime ore il trequartista argentino sosterrà le visite mediche di rito, poi arriverà a Trigoria per conoscere il centro sportivo, i dirigenti, e soprattutto per firmare quel contratto che lo legherà ai colori giallorossi almeno per i prossimi 4 anni. L’arrivo del Flaco segue quelli di Mirante, Santon e Zaniolo. Nel bene o nel male, fin qui Monchi assoluto protagonista del mercato italiano 2018.

Articolo precedentePrendendo Meret il Napoli avrà in rosa il portiere del futuro
Articolo successivoMercato Genoa, Sandro ha superato le visite mediche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui