ROMA ABRAHAM – Intervistato dal “The Telegraph“, Tammy Abraham ha parlato di questi suoi primi mesi in Italia con la maglia della Roma, che ad agosto lo ha ingaggiato come sostituto di Dzeko.

Così l’attaccante inglese: “Cosa mi ha insegnato Mourinho in questi primi tre mesi? A essere un mostro“.

ROMA ABRAHAM

ROMA ABRAHAM – Prosegue: “L’adattamento in giallorosso? È sempre difficile, trasferirti e calarti in un nuovo paese e in una nuova cultura. Ho pensato che prima mi sarei adattato e prima avrei imparato differenti tipi e stili di calcio. Sono partito per spiccare il volo e auspicabilmente posso mantenere il livello di prestazioni per rimanere in squadra. Certo, pensavo sempre al mondiale, ma sul serio, io volevo soltanto giocare a calcio. Sono ancora all’inizio della mia carriera e ho sentito il bisogno di andare fuori e giocare per migliorare e raggiungere i massimi livelli e spero di continuare a migliorare“.

Poi: “La Serie A? Non mi aspettavo che potesse essere così difficile. I calciatori sono molto intelligenti e per il modo di giocare in Italia la difesa è molto importante. Quindi per me si trattava di capire anche l’altra parte. In Inghilterra siamo abituati ad attaccare, attaccare, attaccare e devo imparare l’altra strada, come rompere le difese avversarie. Fa parte del processo di apprendimento e puoi vederlo con Lukaku e gli altri, che sono andati all’estero e sono tornati in Inghilterra, per me è questione di migliorare me stesso“.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteMercato Napoli Meret, il rinnovo è sempre più difficile
Articolo successivoJuve, Zakaria idea concreta. E il Borussia apre alla cessione a Gennaio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui