Thiago Motta, attuale tecnico rivelazione del Bologna, sarebbe il principale candidato per la panchina della Juventus: finito il ciclo Allegri

In crisi di identità, di gioco e, soprattutto, di risultati. La Vecchia Signora sta mostrando il lato più vulnerabile di sé dopo un periodo in cui aveva fortemente creduto di soffiare il primo posto all’Inter. I sette punti conquistati nelle ultime nove partite, fanno sì che, la Juventus di Massimiliano Allegri, debba guardarsi alle spalle in ottica quarto posto, per non depauperare totalmente un vantaggio che appariva più che confortante nei confronti del Bologna di Thiago Motta, ormai distante appena due punti e con il tecnico dei felsinei, più che mai, destinato a custodire le chiavi della panchina bianconera dalla prossima stagione.

Secondo quanto confermato da calciomercato.com, infatti, il gioco propositivo e offensivo messo in mostra dall’ex centrocampista di Genoa, Inter e Barcellona nel corso delle ultime due stagioni, culminate con la speranza di ottenere un sorprendente quarto posto in classifica, avrebbe stregato la Vecchia Signora, desiderosa di rifarsi totalmente il look in vista dell’immediato futuro. La piazza comincia a mugugnare nei confronti dell’operato di Allegri e l’ avvicendamento in panchina appare ormai inevitabile, malgrado il contratto in scadenza fissato per il 2025.

A fine stagione, le parti tireranno le somme ma un secondo addio del tecnico livornese alla società bianconera non è mai stato così vicino. A Torino, l’aria bianconera non dovrebbe far sventolare, nuovamente, la bandiera di Antonio Conte, quanto la candidatura di un tecnico pronto al grande salto: Thiago Motta è in pole position per la corsa alla panchina della Juventus.

Oltre all’articolo: “Rivoluzione a Torino: Motta in pole position per la panchina della Juventus”, leggi anche:

  1. Beltran, la consacrazione a Firenze e i radar dello Sporting Lisbona
  2. Juventus, doppio colpo Koopmeiners e Ferguson?
  3. Salernitana, l’AD Milan: “Dia? Ha ammesso le sue responsabilità”
Articolo precedenteMilan, priorità priorità rinnovo anche per Adli e Calabria: le ultime
Articolo successivoLacroix, la Juventus insidia il Milan: se partisse Bremer…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui