Rino Foschi: “Cavani aspetta una chiamata dalla Spagna. Petrachi? Alla Roma ha fatto ciò che poteva fare. Lazio trattieni Immobile”

Rino Foschi: “Cavani aspetta una chiamata dalla Spagna. Petrachi? Alla Roma ha fatto ciò che poteva fare. Lazio trattieni Immobile”

In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto il direttore sportivo Rino Foschi, il quale si è soffermato sulle vicende del calcio italiano e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

Il campionato: “È un campionato difficile da commentare, il Milan aveva fatto molto male ma poi ha avuto una buona ripresa ed ha fatto bene; vediamo l’Inter cosa combina e Lazio sicuramente ha perso un qualcosa con tutte le complicazioni dovute al ritorno in campo. Se non succede un qualcosa di particolare la Juventus ha già vinto lo scudetto.

Non è un campionato regolarissimo – precisa Rino Foschi – senza il Covid probabilmente avremmo visto un altro tipo di campionato. Però era da fare per tanti motivi, pertanto non ci dobbiamo lamentare, accettiamo le sorprese in positivo e negativo; le prestazioni non possono essere uguali, non mi sento di fare dei commenti e di dare dei giudizi”.

No al Pallone d’oro: “In parte sono d’accordo con questa decisione, ma con la ripresa dovrebbe esserci anche l’assegnazione del premio. O si stoppava tutto o si continuava con tutto; pertanto anche assegnando il premio individuale, questo calcio non mi piace, lo accetto, ma ci sono tante cose diverse da prima”.

Osimhen: “L’ultima volta che sono stato in Serie A al Palermo c’erano 5 campioni del mondo, ho partecipato alla cessione di Dybala e quando si diceva che 25-30 milioni erano una follia. In generale queste cifre molto alte mi sembrano un’esagerazione. Bisogna fare attenzione ai giocatori che si cercano di prendere”.

Il ritorno di Cavani: “Ogni operazione ha una storia a sé. Cavani è un giocatore che può dare tanto nei prossimi due o tre anni. Non ha la stessa visibilità di Ronaldo ma potrebbe fare molto bene. Lui aspetta una chiamata dalla Spagna, ma se fossi in una squadra italiana proverei a prenderlo subito perché farebbe la differenza. Lo vedrei bene all’Inter, alla Juventus e in qualsiasi squadra. E’ l’unico parametro zero per il quale farei follie per portarlo in Italia”.

Lo scudetto di Dybala: “Ha partecipato insieme alla squadra, perché lo scudetto non lo vince il singolo. La Juventus non è quella degli altri anni; vincere cambiando allenatore, cercando di proporre una mentalità diversa e dopo i tanti successi scorsi, personalmente lo reputo un grande traguardo – spiega Rino Foschi – ottenuto con il contributo di tutti”.

Questione Roma: “Roma è una piazza particolare, Petrachi ha fatto bene al Torino ed è uno molto preparato, parliamo di una persona passionale che ci mette la faccia, ha fatto un salto molto importante. Tutto sommato ha fatto quello che poteva fare. Una squadra che era partita per fare determinati risultati, molto probabilmente sopravvalutata e non completa”.

Kjaer: “Per portarlo in Italia feci un grosso sacrificio, invece di pagarlo due milioni ne spesi quattro, mi ricordo che Zamparini si arrabbiò ma era un giocatore di buona prospettiva. Piacque subito a Sabatini che lo portò alla Roma, che giocava un calcio particolare con un fase difensiva particolare dove però non fece molto bene. È un ottimo difensore e marcatore che preferisce giocare a uomo che zona e quest’anno al Milan sta facendo molto bene; il mio sforzo è stato ben pagato. Probabilmente è stato sottovalutato per quello che poteva fare lui in altre piazze”.

Immobile: “È un giocatore importante, al punto che è uno dei più continui in Italia, anche più di Belotti. Ciro sta facendo molto bene, ha fatto l’Italia, è andato all’estero, poi è ritornato, adesso sta facendo benissimo, se fossi nella Lazio farei fatica a darlo via”, ha chiosato Rino Foschi.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

Cristiano Abbruzzese
Cristiano Abbruzzese 6945 posts

Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

View all posts by this author →

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply