Riccardo Calafiori è uno dei protagonisti assoluti della stagione del Bologna, la squadra allenata da Thiago Motta che sogna un posto in Europa. Il giovane difensore, classe 2002, è arrivato a titolo definitivo dal Basilea lo scorso agosto e in poche settimane si è guadagnato un posto da titolare nello scacchiere tattico di Thiago Motta. Da terzino sinistro si è trasformato in uno dei difensori centrali più forti e più moderni del campionato, capace di difendere, impostare e ripartire con qualità e personalità.

Un difensore completo

Riccardo Calafiori è un difensore in continua evoluzione, capace di unire doti fisiche, tecniche e mentali. Alto 188 centimetri, possiede una buona visione di gioco, un piede mancino educato e una falcata elegante. Riesce ad anticipare le mosse degli avversari e tagliare le linee con passaggi precisi. Non si lascia intimorire dai duelli, anzi li cerca e li vince con determinazione. Ha anche un buon senso della posizione, che gli permette di coprire gli spazi e di intervenire in modo tempestivo.

Nel sistema di gioco del tecnico Thiago Motta, che predilige il possesso palla e la verticalizzazione, il suo ruolo è fondamentale. Calafiori è il primo regista della squadra, colui che dà il via alle azioni offensive con le sue giocate, il cosiddetto centrale che sa “uscire palla al piede”.

Riccardo Calafiori è pronto per il grande salto?

In base al rendimento stagionale avuto finora, è plausibile pensare che Riccardo Calafiori abbia tutte le carte in regola per poter aspirare al cosiddetto “salto di qualità”. Le sue prestazioni con il Bologna hanno attirato l’attenzione di diverse squadre di Serie A e di Premier League, che lo seguono con interesse.

Secondo il sito Transfermarkt, il suo valore di mercato è di circa 13 milioni di euro: in vista della prossima stagione, però, si può già ipotizzare una vera e propria asta per accaparrarsi le sue performance calcistiche e la sua quotazione aumenterà sensibilmente. Il suo sogno è quello di vestire la maglia della Nazionale, per la quale ha già giocato con le selezioni giovanili. Thiago Motta lo ha definito “un talento straordinario”, paragonandolo a Sergio Ramos.

Il Bologna può essere orgoglioso di aver scoperto e valorizzato Riccardo Calafiori, che aveva lasciato l’Italia per cercare fortuna all’estero. E invece, il suo presente è in Serie A. Il futuro, chissà…

Articolo precedenteUfficiale, Manolas è un nuovo calciatore della Salernitana: la nota
Articolo successivoReal Madrid-Girona, Ancelotti: “Stiamo entrando bene ma non sarà decisiva”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui