Oltre alla pesante sconfitta contro la Spal per 2-1, la trasferta a Ferrara della Roma ha portato un ulteriore strascico, ovvero la risaa tra Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy.

Così si legge nell’edizione online de “Il Corriere dello Sport“: “Ci mancava pure questa. Non sono solo i risultati a preoccupare la Roma, che si è allontanata a -4 dalla Champions League rischiando il sorpasso della Lazio in classifica. I dirigenti devono anche disciplinare una situazione che riguarda i giocatori, dopo una lite molto accesa avvenuta nell’intervallo della partita di Ferrara tra Dzeko ed El Shaarawy. Da questo episodio nasce lo sfogo di Claudio Ranieri nelle interviste, la reprimenda mediatica ai giocatori che potrebbero cambiare aria a fine stagione, con tanto di voci (smentite) su possibili dimissioni“.

Poi: “Ecco cosa è successo in quegli istanti di nervosismo frenetico, sul risultato di 1-0 per la Spal. Dzeko era molto agitato, come spesso gli è capitato in questa complicata stagione. Dopo essere stato beccato dai tifosi della Spal, uscendo dal campo alla fine del primo tempo, prima ha provocato lo stadio con un gesto che invitava ad “alzare” il volume dei cori offensivi e poi ha discusso animatamente con la panchina avversaria. In particolare sono volate parole grosse con il ds della Spal, Davide Vagnati, nel tunnel che conduce agli spogliatoi. Primo focolaio di rissa: sedato. Ma il peggio è avvenuto pochi secondi più tardi, nel chiuso dello spogliatoio della Roma. Le urla sono state avvertite in maniera distinta anche dai giocatori della Spal. Dzeko, che scalciava qualunque cosa gli capitasse a tiro, si è rivolto a brutto muso a El Shaarawy rimproverandolo per un pallone non passato. El Shaarawy, sorpreso e a sua volta indispettito, ha risposto a tono. A quel punto la situazione è degenerata, soprattutto per il nervosisimo di Dzeko. I due attaccanti sono arrivati alle mani, sia pure senza colpi particolarmente violenti. Sono dovuti intervenire in molti per evitare che la banale discussione diventasse un incontro di boxe“.

Infine: “Niente di inedito. Succede spesso che negli spogliatoi, come negli uffici, si litighi nei momenti più critici. Ma El Shaarawy si è arrabbiato soprattutto per la gestione di Ranieri, che aveva già annunciato alla squadra l’ingresso di Zaniolo al posto di Kluivert. Con grande autocontrollo, dopo aver preso atto del duro confronto tra i giocatori, l’allenatore ha ordinato anche l’ingresso di Perotti al posto di El Shaarawy (infatti il riscaldamento in campo di Zaniolo era cominciato subito, quello di Perotti pochi minuti più tardi). L’escluso è rimasto deluso per la disparità di trattamento e l’ha fatto presente“.

Articolo precedenteMilan, incerto il futuro di Kessie: in estate potrebbe partire
Articolo successivoMercato, Dani Alves tentato dal Boca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui