RETROSCENA DI CALCIOMERCATO – Ci siamo lasciati una settimana fa con le ultime ore di calciomercato ancora bollenti, ma con la certezza ed anticipazione da parte nostra che in casa Napoli nulla sarebbe più avvenuto.

Navas e Cristiano Ronaldo due voci che impazzavano da qualche settimana ed anche più nei corridoi del mercato internazionale. Noi, però, vi abbiamo sempre chiarito entrambi le situazioni dal principio e le eventuali dinamiche che si sarebbero potute incastrare a determinate condizioni.

Ma talune trattative rimarranno sempre nell’ombra perché difficilmente tutto verrà a galla; ma qualche retroscena ve lo racconteremo in anteprima.

Napoli, i retroscena di calciomercato che non conoscevate: Navas, Soler, Milinkovic Savic…

Sapevate che Sòler, centrocampista del Valencia, appena approdato al Psg era stato scelto come sostituto di Fabian Ruiz e sarebbe arrivato qualora Politano e Demme avessero fatto il percorso inverso alla corte di mister Gattuso nella città iberica?

Eravate a conoscenza di una Juventus che si è informata in maniera insistente su Keylor Navas, una volta assodato che non avrebbe difeso la porta del Napoli. L’infortunio di Szczesny, aveva fatto sorgere il dubbio di un’eventuale acquisto in quel ruolo affidandosi ad un profilo internazionale come il numero uno costaricano.

Di Milinkovic Savic ve ne parlammo noi in esclusiva e successivamente la notizia fu riportata anche da altre testate giornalistiche. I dettagli ve li anticipammo, una maxi operazione che avrebbe dovuto portare il forte centrocampista serbo in maglia azzurra e i tre azzurri Politano, Zielinsky e Mario Rui alla corte di mister Sarri.

Puro fantamercato per tanti, eppure De Laurentiis aveva già quasi bloccato Fabiano Parisi, eclettico terzino dell’Empoli. Ma il sergente laziale preferì restare a Roma, in attesa di una super offerta da parte di una big italiana (Juventus) e qualche big europea praticamente mai arrivata.

Ah beh, fare affari con Lotito non è mai semplice e il buon Milinkovic Savic se ne è accorto; chissà se non si sia pentito in minima parte di aver rinunciato ad ascoltare la musichetta della Champions con addosso la maglia che fu di D10S…

Napoli, i retroscena di calciomercato che non conoscevate: Osimhen, Cavani…

Per i più deboli di cuore, di proposito in conclusione, voglio svelarvi questa notizia giuntami all’improvviso appena era arrivata l’offerta da 75 milioni di euro del Bayern Monaco per Osimhen, mai aumentata alle fatidiche tre cifre richieste dal club azzurro per l’attaccante nigeriano.

Dalle parti di Castel Volturno credettero che il club bavarese sarebbe arrivato ai 100 milioni a salire e quindi iniziarono a sondare le varie alternative. Il Cholito Simeone inesperto per un campionato da vertice ed una Champions da affrontare da chi poteva essere affiancato per crescere in tranquillità ed eventualmente rubare i segreti del mestiere?

Il Matador Cavani è stato vicino al ritorno in maglia azzurra più di quanto voi possiate immaginare. Aveva tre proposte sul piatto da: River Plate, Villareal e Valencia. Quando Giuntoli in maniera esplorativa telefonò il bomber di Salto trovò subito, senza esitazione, apertura ad iniziare una trattativa.

Ritornare al Napoli, allo stadio Diego Armando Maradona, poter superare il record di Mertens come bomber di tutti i tempi in azzurro e riportare sotto il Vesuvio magari il tanto atteso tricolore.

Napoli, i retroscena di calciomercato che non conoscevate:

Nessun dubbio a ritornare in una città dove fu incoronato re ed iniziò la sua brillante carriera da centravanti atipico, consacrandosi tra i migliori attaccanti in quel ruolo.

El Matador sperò davvero di mantenere la promessa che fece un giorno ai tifosi partenopei “di ritornare chiudendo la carriera dove mai prima d’ora si era sentito così amato”.

Bloccò le trattative ben avviate con le tre squadre sopra citate e provò ad immaginarsi nuovamente al centro del mondo azzurro, da trascinatore e calciatore d’esperienza per poter guidare il rinnovato gruppo azzurro.

Nella logica di Giuntoli, Simeone doveva crescere alle spalle del bomber uruguaiano traendone tutti i benefici del caso con affianco un tale calciatore. Se non fosse che la scarsa tenuta fisica e il solito discorso di età avanzata da parte del patron De Laurentiis iniziò a far venire i dubbi da ambo le parti sul buon esito della trattativa.

Napoli, i retroscena di calciomercato che non conoscevate

Poi arrivò Mendes con il suo figlioccio CR7 ed i capricci Champions da assecondare, la proposta di uno scambio con Osimhen e i ricavi di cui avrebbe beneficiato il Napoli sotto tutti punti di vista e… Cavani accettò il Valencia di mister Gattuso.

Fantacalcio, fantamercato chiamatelo come volete. In questa estate di notizie che si sono rincorse, a quanto pare tanti tasselli hanno trovato il loro incastro grazie a tante dinamiche interne che noi di EuropaCalcio abbiamo provato a raccontarvi.

Qualcuno ci ha sostenuto e stimato per il lavoro fatto in redazione, altri hanno provato a metterci in dubbio e magari offenderci.

Le voci si rincorreranno, le trattative evolveranno, ma con serietà e passione noi vi racconteremo sempre la scrupolosa verità dei dettagli.

Articolo precedenteVerona-Sampdoria, cronaca e tabellino [LIVE]
Articolo successivoInter, Lukaku va in Belgio per recuperare dall’infortunio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui