spot_img
HomeSerieAJuventusRampulla su Szczesny: "Distratto dalle voci su Donnarumma. Su Buffon..."

Rampulla su Szczesny: “Distratto dalle voci su Donnarumma. Su Buffon…”

-

RAMPULLA SU SZCZESNY – In diretta a CMIT TV è intervenuto Michelangelo Rampulla. L’ex portiere della Juventus ha parlato della crisi che stanno vivendo i bianconeri e delle difficoltà di Szczesny.

Inoltre, ha rivelato anche le motivazioni che hanno portato Buffon al Parma e ha confessato di avere delle buone sensazioni sulla stagione della Cremonese.

RAMPULLA SU SZCZESNYCome nasce la crisi di Szczesny? Probabilmente le voci di mercato che avrebbero voluto Donnarumma alla Juventus hanno creato un po’ di imbarazzo a Szczesny a livello mentale. Questo potrebbe essere uno dei motivi che ha fatto nascere qualche dubbio a Szczesny. Mi auguro che sia solo questo, perché adesso è passato e probabilmente ritornerà quello che era negli anni passati. I momenti difficili capitano a tutti e quindi non starei a preoccuparmi. Il momento difficile della squadra e quello di Szczesny coincidono purtroppo e forse anche questo è il motivo di questa confusione mentale, che secondo me è passeggera.

RAMPULLA SU SZCZESNY

Far riposare Szczesny e lanciare Perin? Potrebbe essere la soluzione, però non puoi cambiare il portiere al primo o al secondo errore, a meno che non sia lui a chiedertelo. Ieri ha fatto il suo tranquillamente e credo che Allegri possa recuperarlo solamente facendolo giocare con continuità. Credo, insomma, che Allegri faccia bene a continuare con Szczesny sperando che gli errori siano finiti”.

DONNARUMMA Se avessi cercato di sostituire Szczesny con Donnarumma? Sicuramente l’esborso economico sarebbe stato notevole, anche se pure il contratto di Szczesny è piuttosto oneroso. Se la richiesta di Donnarumma non era così distante dall’ingaggio di Szczesny io un tentativo lo avrei fatto, e penso che un tentativo anche la Juventus lo abbia fatto. Credo però che anche più di un tentativo sarebbe stato meglio, perché ti saresti aggiudicato per quindici anni un portiere di sicuro affidamento. Certamente, 10/15 anni di Donnarumma avrebbe significato un esborso economico non indifferente”.

FUTURO E EREDE SZCZESNY “Penso che tutti i grandi portieri cerchino l’ingaggio e anche Szczesny ha un ingaggio da 7 milioni netti annui. Facendo due conti, l’esborso economico per un club è notevolissimo. Io punterei su un portiere giovane e italiano che possa maturare; facendo sempre i conti con l’aspetto economico. 7 milioni di euro per Szczesny sono insostenibili e quindi punterei su un italiano giovane: mi viene in mente Audero, che era della Juventus, e sta dimostrando di essere un ottimo portiere perché ha delle qualità notevoli”.

CRISI JUVENTUS – “Come si esce da questa crisi? Con la consapevolezza di essere una grande squadra. La società ti dà una mano, la maglia ti dà una mano solo a guardarla. Credo, quindi, che bisogna pensare meno alle parole e buttarsi sul lavoro. Non è che si diventa brocchi tutto d’un tratto. Se andiamo a vedere, la squadra ha avuto soltanto degli errori dei singoli che hanno penalizzato il risultato. Bisogna solamente stare zitti e pedalare, fare quadrato credo sia l’unico modo per venirne fuori. Io credo che loro sappiano di essere una squadra forte”.

CARNESECCHI E CREMONESE – Carnesecchi è un ottimo portiere. È un altro di quei ragazzi giovani che si sta facendo le ossa in provincia e da tenere in grande considerazione. L’anno scorso quando è arrivato a Cremona ha fatto molto bene, quest’anno sta facendo bene ed è da tenere sotto controllo. Ce ne sono tanti di giovani da considerare, ma soprattutto vanno fatti giocare. Mi vengono in mente Silvestri, Gollini che ha scelto di andare al Tottenham per non giocare.

Cremonese? Prima di tutto è una società ottima, e io la conosco molto bene. Giocare con la tranquillità di avere le spalle belle solide è importante, ha un allenatore come Fabio Pecchia che ha dimostrato di essere in continua crescita ed è una guida sicura per questa squadra giovane. Secondo me farà bene quest’anno in Serie B. Parma-Cremonese? La guarderò sicuramente perché sono tifoso della Cremonese, ma sono anche tifoso di Gigi”.

BUFFON – “Mi è piaciuta la sua scelta di tornare al Parma. Ho parlato con lui quando è uscita la notizia e gli ho detto che era l’unica cosa che poteva fare. Lui mi ha detto che aveva richieste da Barcellona, Atletico Madrid, ma anche in Italia da Fiorentina e Atalanta. Ma lui è sempre stato così, mi ha detto che per rendere sempre al meglio doveva avere il fuoco dentro e l’unica squadra oltre alla Juventus a dargli questo era il Parma. Quindi ha fatto una scelta giustissima, bella e a 43 anni dimostrerà che è sempre Buffon.

Mondiale in Qatar possibile? Mi piacerebbe immaginare una favola a lieto fine, ma credo che sia soltanto una favola pur bella che sia. Sono convinto che lui potrebbe giocare benissimo ancora in Serie A e quindi tutto è possibile. Quando uno nasce fuoriclasse come lui, lo rimane fino alla fine se ha quel fuoco che ti arde dentro e ti fa alzare la mattina per andare all’allenamento. Mi piacerebbe moltissimo vederlo al Mondiale in Qatar”.

Cristiano Abbruzzesehttps://www.europacalcio.it
Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Luis Alberto Lazio

Lazio, Sarri-Luis Alberto, il feeling non sboccia: la situazione

0
LAZIO SARRI LUIS ALBERTO - Non è iniziato bene il rapporto tra Maurizio Sarri e Luis Alberto. Nelle ultime due gare infatti il fantasista...