Punto della settimana – 28a giornata

Punto della settimana – 28a giornata

Punto della settimana 28a Giornata Serie A TIM, ed. 2017/2018

Torna Punto della settimana, la rubrica di EuropaCalcio.it che analizza e commenta tutte le partite della 28a giornata del Campionato italiano di Serie A TIM, ed. 2017/2018.

IL COMMENTO

A Firenze si gioca nel nome di Davide Astori, lo sfortunato Capitano della Viola, morto all’età di 31 nel sonno per un arresto cardiaco. La commozione al Franchi si trasforma in emozione. È il ricordo di un ragazzo straordinario che difficilmente dimenticheremo. È il prezzo naturale che lo sport deve cedere il passo davanti a un uomo, a un ragazzo di queste dimensioni. Astori: un Campione sia dentro che fuori il campo!

Per quanto concerne il mero risultato sportivo invece, il Napoli di Sarri non sfonda a San Siro e sbatte per la seconda volta in campionato contro il muro dell’In  e subisce inesorabilmente il sorpasso in classifica da parte della Juventus . Juventus che ritrova i guizzi e e la verve di un talento puro come quello di Paulo Dybala. L’eroe di Londra diventa anche l’eroe di Torino: prende per mano la Vecchia Signora e l’accompagna dritta, in vetta alla classifica.  Il Milan c’è e trova tre punti preziosi a Marassi allo scadere di una partita tiratissima contro il Genoa: Andrè Silva al suo primo gol in Serie A regala speranze europee prima inimmaginabili!. Roma a valanga sul Torino che resiste ai capitolini solo 45′. Stop della Lazio a Cagliari che acciuffa il pareggio allo scadere ma, quante polemiche con il VAR che non interviene per assegnare un rigore netto su Ciro Immobile. Lotta retrocessione è ufficialmente riaperta: le vittorie di Verona e Crotone inguaiano anche Sassuolo e Chievo. Adesso è vera e propria bagarre con ben sei squadre in appena 4 punti!

FIORENTINA – BENEVENTO

Al Franchi si gioca nel segno di Davide Astori, lo sfortunato giovane Capitano della Viola deceduto all’età di 31 anni  a seguito di un arresto cardiocircolatorio. L’aria che si respira al Franchi,  è densa di commozione. Tutti fermi dentro al campo, è il minuto 13′. Così Fiorentina e Benevento ricordano Davide Astori, il Capitano viola. Dopo 2′  di silenzio osservato da tutto lo Stadio, l’arbitro Pasqua fischia l’inizio e per 13′ il gioco scorre a ritmi lenti. Al 13′ tuttavia, il pallone viene volontariamente messo in fallo laterale. Si fermano i giocatori  e la Curva Fiesole si veste  di viola con la scritta: Davide 13! Brividi. Applausi! Al triplice fischio finale il neo capitano Badelj scoppia in lacrime e viene consolato dall’arbitro Pasqua e da Laurini.  È stata una partita durissima da giocare, complicata sotto tutti i punti di vista. Il risultato finale (1-0) non ha nessuna importanza, nessun valore… Il goal partita lo realizza Victor Hugo, colui che ha sostituito Re Davide. 

JUVENTUS – UDINESE

La Juventus batte  l’Udinese (2-0) grazie a una doppietta di Dybala e conquista l’undicesimo successo consecutivo in campionato. Paulo Dybala dopo Londra si prende anche Torino  con una prestazione magnifica. Prima una punizione magistrale da 20 metri dove Bizzarri non può arrivarci. Poi va in goal su assist confezionato da Higuain che conclude di  giustezza un’azione tutta argentina.  È il ventunesimo gol in stagione (17 in campionato) per l’argentino che supera il bottino dell’anno scorso quando si fermò a quota 19.  Higuain invece si fa parare ancora un rigore (non è una sua specialità) da Bizzarri a fine primo tempo. Partita impalpabile dell’Udinese e sconfitta ampiamente meritata. La domanda che la gente e i tifosi si chiedono e, nel mio picoclo, mi chiedono è: se ci fossero i playout giocherebbero tutte così, impalpabilmente?

INTERNAZIONALE – NAPOLI

Nel posticipo di San Siro pareggio a reti bianche tra Inter e Napoli (0-0) ma partita vivace e combattuta per tutti i 94′.  Le squadre si annullano a vicenda e il pareggio non accontenta nessuna delle due. Infatti, l’Inter non aggancia la Lazio al 4° posto buono per la Champions e, il Napoli – mancando la vittoria – subisce il sorpasso da parte della Juventus in testa alla classifica. Per i partenopei nulla è perso intendiamoci ma, l’effetto psicologico potrebbe rivelarsi, alla fine, devastante. Soprattutto i campani pagano caro la giornata non proprio positiva del Trio MeravigliaLorenzo Insigne è vivace, ma davanti alla porta sbaglia tutto. Mertens è meno pericoloso del solito, e Callejon mai in partita gioca la sua peggior partita da tre anni a questa parte. Per i nerazzurri da segnalare le ottime prestazioni di Brozovic e Skriniar.

ROMA – TORINO

Tris della Roma che supera il Torino (3-0) nell’anticipo di venerdì. In rete stavolta ci vanno  Manolas,  De Rossi e Pellegrini. I granata reggono un tempo poi si sciolgno come neve al sole  nella ripresa una volta passati in svantaggio. Ancora una volta è Alisson che, con i suoi interventi,  salva i capitolini nel primo tempo e permette così alla Roma di non complicarsi la serata. Complimenti davvero all’estremo giallorosso e a chi lo ha portato in Italia.

CAGLIARI – LAZIO

Alla Sardegna Arena pareggio ricco si emozioni tra  Cagliari e Lazio (2-2) e sfugge di mano proprio sul più bello il successo per i padroni di casa. Un bel Cagliari, reattivo che ha in Barella l’uomo in più. I sardi passano in vantaggio con Pavoletti. Pareggio biancoceleste con l’autorete di Ceppitelli e nuovo vantaggio rossoblu con Barella che trasforma un penalty per fallo di Luis Felipe su Pavoletti. Di Ciro Immobile al 95′ il pareggio che sa di beffa.  La Lazio sale a 53 punti e mantiene a distanza l’Inter (+1). Per il Cagliari pur muovendo la classifica adesso è a solo +2  dal baratro

GENOA – MILAN

Il Milan supera il Genoa (0-1) a Marassi all’ultimo respiro grazie alla rete decisiva di Andrè Silva al 94′ su assit di Suso. Nel primo tempo mattia Perin salva su Nikola Kalinic e nella ripresa annullato un goal dal Var a Rigoni le altre emozioni del match. Con la sua prima rete in Serie A, Andrè Silva  regala tre punti preziosi  e si avvicinano alla zona Europa League e, whynot, anche alla Champions.

CROTONE – SAMPDORIA

Allo Scida il Crotone supera una brutta Sampdoria (4-1) grazie a una doppietta di Trotta (scatenato), al gol  di Stoian e all’ autogol di Viviano. Di Duvan Zapata la rete della bandiera per i blucerchiati. Zenga torna a vincere dopo 5 gare di astinenza: fondamentale la prima doppietta in A del centravanti ma, a onor del vero,  i pitagorici sono stati quasi perfetti. Giampaolo invece continua a faticare in trasferta: quarta sconfitta nelle ultime cinque.

BOLOGNA – ATALANTA

Al Renato Dall’Ara successo esterno dell’Atalanta che batte il Bologna (0-1) e si conferma ancora una volta bestia nera della squadra felsinea. La Dea supera l’ostacolo Bologna grazie al secondo gol stagionale di di de Roon. Il punteggio tuttavia è bugiardo in quanto per tutti e 94′ minuti non c’è stata partita. I nerazzurri hanno gestito la gara dall’inizio e solo per un clamoroso errore di Gomez non sono andati in vantaggio nella prima frazione di gioco. Gli orobici con questo successo volano a quaota 41 punti in classifica e mercoledì recuperano la gara con la Juventus…  Il successo consente a Gasperini di tenere vivo il sogno europeo, mentre Donadoni esce dal campo tra i fischi della sua gente.

SASSUOLO – SPAL

Nella sfida salvezza al Mapei Stadium pareggio tra Sassuolo e Spal (1-1). Una gara piuttosto nervosa data la posta in palio. La sfida salvezza si chiude con un pareggio che serve più alla Spal che al Sassuolo, ancora in piena crisi: questa è la nona partita senza vittorie.  Passano in vantaggio gli estensi con Antenucci. Per i neroverdi la pareggia Babacar direttamente su calcio di rigore. Le due squadre, ora sono appaiate a 24 punti assieme al Crotone e occupano l’ultimo posto buono per scendere in B…

H. VERONA – CHIEVOVERONA

Nella stracittadina di Verona successo dell’Hellas sul Chievo (1-0). Caracciolo regala agli scaligeri 3 punti preziosi per continuare a sperare nella salvezza. Gara nervosa con ben 10 ammoniti (4 dell’Hellas, 6 del Chievo…) che la dice lunga sul clima che si respirava sul terreno di gioco. I clivensi  adesso sono in piena bagarre retrocessione a solo + 1 dal trio Crotone-Sassuolo-Spal.

Punto della settimana ritorna la prossima settimana per analizzare e commentare la 29a giornata del Campionato italiano di Serie A, ed. 2017/2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Resta Aggiornato, ti informeremo sulle ultime novità.


Previous Napoli, Titti Improta: “Sarri non è sessista nè omofobo”
Next Daniel Alves: "Al Paris Saint Germain manca l'alchimia"

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.