Durante il programma “Taca La Marca”, in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Sergio Porrini, tecnico ed ex difensore di Juventus ed Atalanta tra le tante.

Ecco quanto emerso.

Juventus – “Le avversarie hanno fatto il record di punti, ma la Juve ha vinto lo stesso il campionato, pur senza esprimere un grande calcio; perdendo tante partite e subendo un po’ troppi gol. Alla fine il divario tra le altre è ancora tale che il campionato è stato più “perso dalle rivali”, per il gioco espresso. Certo è che i tifosi vorrebbero vedere la Juve trionfare anche in Champions”.

Conte-Inter – “La speranza è che, per il calcio italiano, Conte riesca a scendere a compromessi con la società, riescano a chiarire la situazione che noi da fuori non conosciamo. Questo avvalorerebbe il campionato; Conte ha dimostrato di essere un grande allenatore, seppur spesso puntiglioso e nervoso. Si è lasciato con la Juve in malo modo, con la Nazionale pure poteva fare meglio, adesso queste esternazioni. Il risultato finale però è un’Inter col record di punti, un gioco e un’identità.”

Atalanta in Champions – “Questa squadra non è più una sorpresa, sia in Italia che in Europa i risultati sono importanti; così come la continuità dei risultati. Il Psg in questo momento è l’avversario più adatto all’Atalanta; ti dà la sensazione di essere composta da figurine e ogni giocatore lavora per se stesso, non per la squadra. L’Atalanta può mettere in evidenza questo difetto, per il resto la condizione fisica sarà un altro grande dubbio.”

Gattuso – “All’inizio della carriera, a Pisa, Gattuso mostrava ancora il suo lato da calciatore e la sua grinta. Ad oggi ha fatto un cammino importante e non è più solo un allenatore fatto di grinta, ma ha anche tanta qualità; lo ha dimostrato al Milan, sfiorando la qualificazione in Champions e al Napoli, riesumando giocatori ormai persi. Conosce perfettamente i gruppi da lui allenati e prepara meticolosamente le partite da affrontare”, ha chiosato Sergio Porrini.

Articolo precedenteAgostinelli: “Osimhen? Potenzialmente può diventare un top player. David Silva porterebbe esperienza alla Lazio”
Articolo successivoJuve, per il dopo Sarri c’è sempre Inzaghi in pole. Paratici rimane

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui