PODIO DI EUROPACALCIO – Osimhen sposta gli equilibri e decide una gara, Roma-Napoli, ormai incanalata verso il pari. Bella gara tra Fiorentina-Inter. La storia di Mazzocchi vale un bel film. Salerno sorride.

Podio di EuropaCalcio Osimhen trafigge la Roma. Mazzocchi show

1’posto
L’uomo nero castiga Mou

Dopo aver fatto a sportellate per un’intera partita con Mancini, Smalling e Ibanez, dopo aver fallito un gol apparentemente facile, Osimhen, attaccante in maschera, un misto tra zorro e il pirata dei Caraibi, trova un angolo incredibile che manda in orbita Napoli e chi il Napoli lo ama.

Un gol bello ed importante arrivato quasi alla fine di un Roma-Napoli duro, spigoloso, da uomini duri e durante il quale era comunque apparsa evidente la superiorità della squadra di Spalletti nella mente e nelle ambizioni.

Non mi sono meravigliato dei mancati cambi in avanti del tecnico di Certaldo, troppo importante mantenere gli equilibri maturati nella misurazione dei passi avversari. Era Osimhen l’uomo giusto per cambiare la partita. È Osimhen l’uomo mascherato che zittisce la Sud.

Podio di EuropaCalcio Osimhen trafigge la Roma. Mazzocchi show

2′ posto
Fiorentina-Inter

Che partita! 7 gol, emozioni, fughe, agganci e colpi da ko. Alla fine la vince nel modo più rocambolesco possibile l’Inter, con un’azione nata da un intervento al limite del regolamento del centravanti, di scorta per l’occasione, Dzeko.

Le due squadre sin dal primo istante si sono sfidate a viso aperto dando così ragione a chi ha deciso di trascorrere il Saturday Night in compagnia del campionato di Serie A. Un successo fondamentale per la squadra di Lautaro e Barella che considerate le potenzialità ha più di un motivo per credere nella remuntada. Viola bene, ma anche viola male, se si guarda lo sconfortante dato delle 5 sconfitte in 11 gare.

Le aspettative, dopo la qualificazione al terzo livello europeo della scorsa stagione, erano ben altre. Credo che alla fine la qualità e le buone intenzioni pagano sempre, ma è davvero concreta la possibilità che la squadra, che fu di Bati e Socrates, se la dovrà vedere anche con Udinese e Torino oltre che alle solite big. Ci vuole un’inversione immediata.

Podio di EuropaCalcio Osimhen trafigge la Roma. Mazzocchi show

3’posto
Mazzocchi

Adesso di anni ne ha 27, ma quando ne aveva 20 giocava ai margini nel professionismo, al Pro Piacenza, la seconda squadra di Piacenza, che per la cronaca oggi non esiste più. Di acqua sotto i ponti ne è passata, ora Pasquale Mazzocchi, terzino della Salernitana, si è affermato nella massima serie ed ha, con merito, debuttato in Nazionale.

Contro lo Spezia segna un bellissimo gol, che supera addirittura il peso specifico dello stesso, visto lo spessore dello scontro diretto. È una storia bella quella di Pasquale Mazzocchi arrivato in A dalla periferia del calcio, dando vigore ancor di più al pensiero di cercare vicino soluzioni che ci sembrano lontano.

Due gol in questo scorcio di A, la battuta, semplice e scontata è inevitabile. Se ti chiamassi Mazzocao

Articolo precedenteUdinese su Matheus Martins, dal Brasile: trattativa ben avviata
Articolo successivoInter-Viktoria Plzen, Inzaghi: “Grande occasione”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui