[df-subtitle]Come di consueto Bruno Pizzul è intervenuto nel programma in onda il lunedì sera su Telefriuli: “bianconero” analizzando i temi caldi di Udinese – Torino. [/df-subtitle]

Ecco le parole di Bruno Pizzul trascritte da udineseblog.it:

“Le proteste sul gol dell’Udinese? Fofana aveva subito prima il fallo dall’avversario nell’azione del gol. Nel gol annullato al Torino, invece, hanno sbagliato guardalinee e arbitro, che hanno fischiato e sbandierato troppo presto. Siccome loro sanno benissimo che il guardalinee, in caso di dubbio, non deve alzare la bandierina subito, l’arbitro, vedendo che la bandierina era alzata, non ha avuto dubbi nel fischiare il fuorigioco”. 

“La differenza di qualità tra le due squadre ieri non è apparsa così evidente – ha continuato Pizzul Il Toro ha buonissimi elementi e meno male che i due con più qualità sulla carta sono quelli che hanno giocato peggio, proprio come in Nazionale. Ovviamente mi riferisco a Belotti e Zaza. Con un avversario come il Torino una prestazione come quella di ieri va benissimo, ma contro le altre squadre devi fare un pochino di più. L’Udinese ha avuto qualche occasione, ma la partita la hanno fatta gli altri, il pari è il risultato giusto. Con il Torino la partita indegna dell’anno scorso è coincisa con la prima di quelle 11 sconfitte di fila, quindi prendiamo il buono di ieri. Infine Mazzarri, in conferenza, ha detto che hanno dominato la partita, ma non è vero”.

“I giocatori in campo sono i primi a capire cosa possono fare e si rendono conto che gli avversari sono più forti, quindi adottano la strategia migliore per non prendere gol. C’è da dire che il problema dell’anno scorso, ovvero i troppi gol presi, sembra stato risolto, anche se ancora presto per dare giudizi definitivi”. 

Argomento Kevin Lasagna e la sua astinenza da gol:“Lasagna è forte nel momento in cui ha spazio, deve avere un supporto che faccia baruffa con i centrali avversari mentre lui si incunea. Comunque Velazquez sta provando e riprovando Teodorczyk, ma se ritiene di non mandarli insieme in campo dall’inizio avrà le sue ragioni. Addirittura ieri mi hanno detto che sono partiti dei cori di contestazione verso Lasagna, subito coperti da quelli di approvazione da parte della Curva”.

In difesa bisogna continuare a giocare così, sono in tanti a pensare che sei più protetto con la difesa a 3 ma l’udinese deve continuare a giocare a 4 dietro” ha detto Pizzul, che poi è intervenuto anche sulla polemica lanciata da 

Walter Mazzarri sul terreno di gioco del ‘Friuli’, definito un campo di patate: “Per quanto riguarda la polemica sul campo, avevo sentito che fosse un misto, una parte erba ed una parte sintetico. Anche San Siro aveva quel problema, e dove non cresceva l’erba la dipingevano di verde”.

Un accenno poi anche alla caduta dell’Atalanta contro la Spal proprio in contemporanea con la trasmissione: “Fino a 3 partite fa Bergamo era la città più contenta calcisticamente, invece ora piangono. Invece Ferrara e la Spal, che l’anno scorso si sono salvati per miracolo, adesso hanno già 9 punti”.

Bruno Pizzul ha rilasciato una battuta anche sui settori giovanili e sull’argomento pochi italiani in maglia bianconera: “Un segnale positivo è che nell’Under dell’Udinese ci sono parecchi friulani. Secondo me i settori giovanili dovrebbero curare un pochino di più la tecnica, il lavoro con il pallone, anziché pensare solo a migliorare le prestazioni fiscihe e la velocità”.

Argomento Scuffet: “Adesso che gioca con regolarità, Scuffet acquista fiducia e consapevolezza ad ogni partita, è migliorato moltissimo anche con i piedi, per esempio”.

Articolo precedenteJuventus: ecco le condizioni di De Sciglio
Articolo successivoDouglas Costa: dalle 3 alle 6 giornate di squalifica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui