spot_img
HomeSerieAJuventusPirlo torna a parlare: "sto studiando e mi piacerebbe allenare all' estero"

Pirlo torna a parlare: “sto studiando e mi piacerebbe allenare all’ estero”

-

Pirlo torna a parlare – La prima stagione da allenatore vissuta da Andrea Pirlo sicuramente non è stata facile ma l’ ormai ex tecnico della Juventus non ha alcuna intenzione di mollare. A confermarlo è stato proprio Pirlo, attraverso un’ esaustiva intervista rilasciata ai microfoni di “The Athletic“.

Queste le sue dichiarazioni:

SUL SUO FUTURO: “Potrei fare di più e quando non si ottengono dei risultati, il primo responsabile è l’allenatore. devo lavorare per fare meglio. Ma l’ultimo è stato un anno in cui ho avuto una crescita personale. Ora mi piacerebbe andare all’estero, ho trascorso tre anni negli Stati Uniti, quindi non ho problemi con l’inglese e parlo anche il francese. Sento di poter andare ovunque. Guardo tante partite e osservo altri allenatori, si può imparare da chiunque. Vedo molti allenamenti online, quando sarà più facile viaggiare, andrò a vederne alcuni di persona. Ho incontrato Mauricio Pochettino in vacanza a Ibiza e mi ha chiesto di passare a Parigi. Se posso, mi piacerebbe andare anche a Manchester a vedere Guardiola. Ma sono pronto a imbarcarmi per un nuova avventura”.

SULLA STAGIONE ALLA JUVENTUS: “Ho imparato molto, era la mia prima esperienza da allenatore ma è stata molto intensa perché abbiamo iniziato la stagione con una sola amichevole. È andato tutto molto velocemente. Abbiamo giocato ogni tre giorni, senza tifosi, senza poter recuperare e senza potersi allenare e prepararsi per la prossima partita. Era difficile provare qualcosa di nuovo. Il recupero è stato più importante”.

Pirlo torna a parlare – SULLA SUA IDEA DI CALCIO: “Il calcio non cambia, bisogna sempre difendere e attaccare – prosegue Pirlo – Ma il modo in cui giochi sì, il modo di interpretare le partite, come si muovono i giocatori, ecco cosa è cambiato. Oggi hai bisogno di giocatori veloci che siano tecnicamente bravi quando si gioca a ritmo, ottimi negli uno contro uno. In passato era un po’ diverso. Ogni anno può succedere qualcosa che può cambiare il modo in cui si gioca a calcio. Ci sono tanti allenatori giovani che vogliono proporre qualcosa di diverso. Per me, il calcio sta andando in quella direzione. Guardiola lo ha dimostrato negli ultimi anni. Se non controlli il gioco, è difficile pensare che vincerai.

Certo, potrebbero esserci momenti in cui hai il 90% di possesso palla e perdi sull’unico tiro in porta subito, ma io preferisco perdere in quel modo piuttosto che passare l’intera partita a difendere la mia stessa area di rigore, cercando di segnare in contropiede. Non cambierò mai questa mia idea per i risultati. Questo è quello che penso: giocare da dietro, cercando di tenere la palla, riprenderne il possesso il prima possibile. Molto dipende dai giocatori che hai a disposizione e cosa ti permettono di fare. I giocatori sono molto più importanti degli allenatori, che a loro volta devono adattarsi”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Lozano

Napoli Lozano: “Noi più forti dell’Inter, lotteremo per lo Scudetto”

0
NAPOLI LOZANO - In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, Hirving Lozano ha parlato della lotta Scudetto. Il messicano è certo che il Napoli sarà protagonista fino...