[df-subtitle]D’Aversa: “Quando affronti squadre come l’Inter devi provare a fare risultato, poi ovvio che contano anche gli episodi. Alla fine siamo stati premiati”[/df-subtitle]

Roberto D’Aversa, tecnico del Parma, è intervenuto a “Radio Anch’io Sport“, programma in onda su “Radio 1“, ed è tornato sul successo dei ducali in casa dell’Inter, avvenuto sabato pomeriggio grazie al gol dell’ex Dimarco sul finale di gara.

Non sono mancate le polemiche per un presunto fallo di mano in area da parte dello stesso giocatore. Così l’allenatore gialloblù: ““Non è politica nostra commentare o polemizzare, ma va ricordato che anche dopo 2 minuti c’era un cartellino rosso per Gagliardini. Mani Dimarco? Ribadisco che anche a distanza di giorni non è facile dire se andavadato il rigore. Una cosa è dirlo a velocità normale, una al replay. La certezza di fischiare o meno il rigore non c’è neanche oggi a distanza di giorni, tant’è che nessuno ha protestato in diretta e anche oggi ci sono testate giornalistiche in cui qualcuno dice che c’è il rigore e qualcuno no“.

Continua: “Sicuramente abbiamo cercato di andare in campo non precludendoci la possibilità di portare a casa il risultato. Quando affronti squadre così devi provare a fare risultato, poi ovvio che contano anche gli episodi. Alla fine siamo stati premiati. Poi tante volte penso che le cose siano già scritte. Dimarco subentrato a Gobbi infortunato, poi segna lui. Sotto l’aspetto dei risultati avevamo fin qui raccolto meno di quello che meritavamo. Forse per l’Inter ora è anche meglio poter tornare subito in campo dopo la sconfitta. Noi preparando la partita ovviamente pensavamo alla ripartenza, magari contro il Tottenham avranno la possibilità di far meglio il loro calcio e sfruttare le caratteristiche di Perisic con la sua gamba“.

Articolo precedenteTorino, Cairo tuona: “Nutro sempre più dubbi sul VAR”
Articolo successivoCL: Stella Rossa – Napoli probabile formazione della Gazzetta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui